Polemica pepata a L’Aria che Tira (La7) tra il senatore della Lega, Gian Marco Centinaio, e la giornalista del Corriere della Sera, Maria Teresa Meli. Quest’ultima commenta le annunciate dimissioni di Matteo Renzi: “Credo che si dimetterà anche da segretario del Pd. Lo farà, perché lo ha promesso. Gli ha fatto male l’odio della minoranza dem. E questo grazie a un signore (Massimo D’Alema, ndr) che nel tempo è riuscito a cacciare Occhetto, Prodi, Veltroni, ora anche Renzi. Quel signore di mestiere fa l'”azzoppatore”, ma non di Berlusconi, né di Grillo. Il suo mestiere è sempre stato quello di fregare i leader di centrosinistra di turno. Però, poveraccio, non avrà nessun vantaggio, perché i frutti di tutto questo li prenderanno Grillo e il M5S“. Meli ribadisce più volte questo assunto. “E va bene” – commenta Centinaio – “dammi anche i numeri del Superenalotto, visto che sai sempre tutto”. Il parlamentare del Carroccio, poi, esclude qualsiasi alleanza Lega-M5S per le politiche: “Siamo ben diversi e abbiamo idee totalmente differenti. Possiamo anche andare da soli”. “Quindi, vi alleate più in là con il M5S? Noi stiamo aspettando questo sorgere della nuova era fascista“, commenta Meli. “Ma basta, mamma mia”, replica Centinaio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Riforme, lapsus di Migliore (Pd): scambia Renzi con Berlusconi, poi litiga con Gomez

prev
Articolo Successivo

M5s, Mentana vs Casalino: “Non manda da noi parlamentari per ritorsione? E’ un bambino. Chi se ne frega”

next