Bambini con la scabbia e minori che non vanno a scuola. Sono queste le testimonianze raccolte nei centri sono dove sono state collocate le famiglie rom espulse lo scorso marzo dal campo comunale milanese di via Idro. Non un agglomerato di baracche abusive, ma un insediamento a norma di legge abitato per 26 anni da cittadini italiani. Peccato che dopo lo sgombero, queste persone siano state sistemate in strutture dove si ritrovano a combattere con zecche, malattie infettive, abbandono scolastico e mancanza di lavoro. “Mio figlio è pieno di macchie – racconta una mamma che ora risiede nel centro di via Aldini, struttura che sta ospitando anche molti profughi e richiedenti asilo – Vivo in una struttura dove in sede di colloquio mi è stato consigliato di non portare mia figlia di 16 anni: ci sono molte persone di colore e hanno paura che possa essere violentata”. Situazione drammatica anche nel Centro di emergenza sociale (CES) di via Sacile, dove una giovane mamma ci accoglie con i suoi tre bambini. “Non vanno a scuola: io chiedo tutti i giorni e mi dicono di aspettare. Ma siamo già a fine ottobre

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Marcia contro la violenza di genere, la “dichiarazione di guerra” del collettivo Degender Communia

prev
Articolo Successivo

Unioni civili, Vittorio Sgarbi insulta una coppia gay torinese in tv. Appendino: “Semplicemente si amano”

next