Il video del collettivo Degender Communia è molto chiaro. Una dichiarazione di guerra contro la violenza sulle donne. Ragazzi e ragazze incordonati e pronti a scendere in Piazza, lo sguardo è pura determinazione, i primi piani non lasciano scampo.
Oggi pomeriggio infatti migliaia di persone sfileranno in corteo da Piazza Esedra a Piazza San Giovanni. “Non una di meno” la manifestazione contro la violenza maschile sulle donne per denunciare l’inadeguatezza dei programmi istituzionali di contrasto ai femminicidi (93 dall’inizio del 2016), la chiusura e il definanziamento dei centri antiviolenza (6 milioni e 888 mila le donne che hanno subito violenza nella loro vita), le condizioni di lavoro e la disparità salariale, la precarietà a cui milioni di donne sono costrette. Un corteo che si preannuncia oceanico per rilanciare un “Piano Femminista contro la violenza maschile” da contrapporre al piano antiviolenza del Governo del 2015. La manifestazione è promossa dalla rete “Io decido”, da “Donne in rete contro la violenza” (D.i.re) e da “Unione Donne in Italia”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Adozioni, la pazienza scaduta della comunità Lgbt: ‘Basta con la politica dei piccoli passi’

next
Articolo Successivo

Malattie e diritto allo studio negato. Ecco che fine hanno fatto le famiglie rom sgomberate da via Idro

next