“Se avrò la percezione di clientele e ricatti elettorali sui fondi europei, non esiterò a reagire: di fronte alla commissione europea e con un esposto in Procura”. L’eurodeputato Pd Massimo Paolucci è andato praticamente a casa di De Luca, a un dibattito a Fisciano (Salerno), per lanciare la sfida. E per fare arrivare da vicino il messaggio che “stabilire un rapporto di causa effetto tra finanziamenti e voto al Sì è intollerabile”. Paolucci è un dalemiano, uno dei collaboratori più stretti di Bassolino: ne è stato capo della segreteria e sub commissario dell’emergenza rifiuti durante gli anni in cui Bassolino ha guidato la Regione Campania e il commissariato governativo. Poi tra i due ci fu una lite e la riappacificazione.

Ora Paolucci ha sostenuto l’ex sindaco di Napoli alle primarie Pd e gli è al fianco nell’esperienza della Fondazione Sudd. Ma rispetto a Bassolino, renziano e tiepido sostenitore del Sì, Paolucci è schierato con il No. Così ribatte alle parole di De Luca con una vis ancora più critica e polemica: “I finanziamenti nazionali e i fondi europei sono finanziamenti pubblici, vengono assegnati con criteri di evidenza pubblica, oggettivi e trasparenti – ricorda Paolucci – e ricordo che pubblico è il contrario di privato. Quei soldi non sono “proprietà privata” di nessuno. Stabilire un rapporto di causa effetto tra finanziamento e voto al sì è intollerabile. Far intendere che la vittoria del sì è la chiave per avere questi finanziamenti è ancora più inaccettabile”. Stringendo il ragionamento: “Stabilire direttamente o indirettamente un nesso tra l’erogazione del finanziamento e l’esito del referendum si definisce in un solo modo: clientelismo. Saremmo di fronte ad un plateale voto di scambio”.

Cioè un reato. “Ma mi auguro che quelle parole ascoltate su ilfattoquotidiano.it rimangano tali: frasi sbagliate e inopportune, a cui non segua null’altro”. E se invece, onorevole Paolucci, dovesse seguire qualcosa? “Patti chiari amicizia lunga. Se dovessi avere la minima percezione che nelle prossime ore che dovessero andare avanti pratiche clientelari, pressioni e ricatti, non esiterò a reagire nelle forme e nei modi conseguenti: rivolgendomi alla Commissione europea e presentando formale esposto in Procura”. Paolucci conclude invitando a un voto libero e privo di ogni tipo di condizionamento, ed esprimendo solidarietà a Rosi Bindi (“le parole di De Luca su di lei sono una schifezza”) e a Francesca Scarpato, la segretaria dei Giovani democratici della Campania, presa a colpi di uova mentre guidava il furgoncino attrezzato a diffondere lungo le vie di Napoli le ragioni del ‘Sì’. “Atto gravissimo e intimidatorio. Insopportabile ed odioso, allo stesso modo, è tentare di condizionare il voto utilizzando gli incarichi istituzionali”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, Renzi a Livorno tra contestatori e toni apocalittici: “Se dite No, dite No per sempre”

next
Articolo Successivo

Referendum, lgbt in piazza per il Sì. Luxuria: “Comprati con le Unioni civili? I gay non si fanno comprare”

next