“Chi frequenta il Senato è forse abituato all’idea che esiste chi si fa comprare. I gay non si fanno comprare”. Vladimir Luxuria replica alle accuse del leghista Roberto Calderoli, che aveva bollato le Unioni civili come una legge fatta “per comprare il voto della comunità Lgbt” al referendum costituzionale. L’ex parlamentare respinge le accuse e rivendica il suo voto favorevole alla riforma costituzionale: “Voto Sì perché ho letto cosa c’è scritto nella riforma, preferisco questo cambiamento all’ipotesi che tutto rimanga così”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

De Luca, l’eurodeputato dalemiano Paolucci: “Se vedo clientele sui fondi europei vado in Procura”

next
Articolo Successivo

Vincenzo De Luca: ‘Clientele, polemica su alici fritte’. Ma il sindaco di Agropoli è indagato. M5s: ‘Esposto in procura’

next