“Ti fai portare via acqua, sanità, ti fai portare via le telecomunicazioni, ti fai portare via… adesso con questo voto, è pazzesco questo voto qua. Ma io non sono mai stato così, io se avessi vent’anni, adesso se avessi vent’anni non so come reagirei. Qui siamo oltre la dittatura, perché se fosse una dittatura e si facesse riconoscere, un Pinochet, un generale con le medaglie che dice ‘Sono un dittatore’, allora uno si organizza, va in clandestinità, fa il Carbonaro, reagisce, fa delle cose. Qui siamo con un involucro di nulla riempito di nulla che sta svendendo il futuro di tuo figlio, di mio nipote, dei tuoi parenti, a delle multinazionali che verranno qua e prenderanno qualsiasi cosa”. Così Beppe Grillo in un videomessaggio sul suo blog e su Fb sul referendum del 4 dicembre.
“Questa gente sono serial killer, questi qui attraverso questo involucro che hanno riempito di cazzate! Cazzate! stanno espropriando il futuro, ma io me ne frego del mio futuro, ho 70 anni, ma stanno espropriando e rubando il futuro di vostro figlio, di vostro nipote”, prosegue. “Per piacere io mi devo calmare ma non posso essere calmo – incalza il leader M5S – ma non si può essere calmi, qui c’è un’espropriazione di pensiero e un’espropriazione di sentimenti, questa gente che non sa neanche cosa sia un sentimento”. Il comico genovese è un fiume in piena, il suo appello dura diversi minuti, tra le altre cose mette anche in guardia gli astensionisti: “Siete degli egoisti se non andate a votare, pensate solo al vostro culo. Non ci andate? Ok, ma sappiate che avete davanti dei serial killer del futuro dei vostri figli”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

De Luca e le clientele, cambiamo la Carta per ‘una frittura di pesce’

next
Articolo Successivo

Quando Renzi diceva: “Non vi pagherò mai una pizza in cambio del vostro voto”

next