Mi hanno appena detto: ”Ci paghi la pizza per tutti quanti?’. No, è finita l’epoca in cui i politici pagano per avere il voto. Basta. E’ l’ora di finirla”. Così il 6 ottobre 2012 parlava Matteo Renzi, durante la sua tappa tranese per le primarie del 2012. Un monito che apparteneva allo ‘storytelling’ del rottamatore ‘duro e puro’ e che oggi, dopo quattro anni, stride con la reazione bonaria che il premier ha mostrato dinanzi alla sanguigna esortazione del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ai 300 sindaci e al primo cittadino di Agropoli, Franco Alfieri. Proprio oggi, infatti, il presidente del Consiglio, ai microfoni di 24 Mattino (Radio24), ha precisato che De Luca ha “un metodo” che non è il suo personale, senza esprimersi in giudizi di merito. E lo ha difeso strenuamente: “Se tutto il Mezzogiorno fosse stato amministrato come De Luca ha amministrato Salerno, oggi il Pil dell’Italia sarebbe l’uno per cento in più”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, il video messaggio di Beppe Grillo: “Andate a votare contro i killer del futuro dei vostri figli”

next
Articolo Successivo

Renzi e i suoi alleati banchieri non sono ‘casta’? Questa è bella

next