Il Partito democratico ha fatto di tutto per non fare avvicinare la stampa al ministro Maria Elena Boschi, in Calabria per un tour sul referendum costituzionale del 4 dicembre. Stamattina, a Lamezia Terme, erano previsti due incontri: il primo al teatro “Umberto”, dove i dirigenti locali del Pd hanno tentato in tutti i modi di impedire alle telecamere l’ingresso in sala. A quel punto, un esponente dell’ordine dei giornalisti, Pino Natrella, direttore del quotidiano online “Lamezia Oggi”, ha protestato fermamente nei confronti degli organizzatori chiedendo che si rispettasse la legge. Anche durante il secondo incontro, organizzato dalla Curia, il Pd cerca di tenere la stampa lontana dal ministro. A fare la guardia alla porta c’era il deputato Sebastiano Barbanti. L’ex grillino allontanava i giornalisti sostenendo che il confronto tra l’esponente del governo Renzi e il docente di diritto costituzionale dell’Università Roma Tre, Alfonso Celotto, fosse “a porte chiuse”. Solo l’intervento del vescovo Luigi Cantafora ha consentito ai giornalisti di assistere al confronto invitando personalmente i singoli rappresentati di ogni testata. Ma c’è di più. Al costituzionalista invitato per il confronto è stato chiesto di non collegarsi con i social network: “Il ministro non voleva neanche la diretta facebook. – conferma il docente – L’errore di fondo è stato politicizzare questo referendum. Pare che i No siano in vantaggio e c’è paura di fare gaffe”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Referendum, esposto del Comitato del No all’Agcom: “Nei Tg Rai presenza abnorme del governo e di Renzi: oltre 42%”

prev
Articolo Successivo

Benevento, bombe carta e fumogeni per l’arrivo di Renzi a iniziativa per il Sì. Scontri con la polizia

next