Bombe carta e fumogeni, poi una carica delle forze dell’ordine. Momenti di tensione si sono registrati a Benevento in occasione della visita del presidente del Consiglio Matteo Renzi per un’iniziativa sul Sì al referendum. A protestare contro le politiche del governo si erano dati appuntamento un centinaio di giovani dei centri sociali provenienti da varie città della Campania. Lo schieramento di polizia ha tenuto i manifestanti ad alcune centinaia di metri dal teatro Massimo, dove è si teneva l’intervento del presidente del Consiglio (nella foto). Dopo alcuni tentativi di forzare i blocchi delle forze dell’ordine, i manifestanti hanno fatto esplodere bombe carta e fumogeni, e ne è seguita una carica delle forze dell’ordine. Il tentativo di forzare il blocco è avvenuto lungo viale dei Rettori, ad alcune centinaia di metri dal teatro Massimo. “Deploro l’inciviltà di chi, avendo un pensiero diverso, la esprime con contrapposizione violenta”, si è scusato Clemente Mastella, sindaco della città. “Pur non annoverando tra le mie fila sostenitori di questa fatta, chiedo scusa a Renzi ed esprimo la mia solidarietà alle forze di polizia, il cui compito costituzionale è stato garantito anche in questa circostanza”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Boschi off-limits per la stampa, giornalisti calabresi urlano contro i dirigenti Pd. Il ‘buttafuori’? Un ex grillino

next
Articolo Successivo

Referendum: la qualità della nostra democrazia non dipende dal bicameralismo perfetto

next