Tra annunci e revisioni, nei mesi scorsi le stime sulla crescita del prodotto interno lordo del 2016 erano state dimezzate dal governo: da +1,6% a +0,8%. Ma dopo un semestre di previsioni disattese, sembrava lontano anche l’obiettivo minimo. Invece la stima preliminare dell’Istat sulla variazione acquisita per il 2016 conferma il numero messo nero su bianco dal governo Renzi nell’ultima Nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza. Stando ai dati diffusi martedì dall’istituto, tra luglio e settembre il pil italiano è aumentato dello 0,3% rispetto al trimestre precedente – che aveva fatto segnare uno stallo, con il pil a +0% – e dello 0,9% nei confronti del terzo trimestre del 2015. Contemporaneamente però l’Istat ha anche rivisto al rialzo il dato relativo al primo trimestre: da +0,3 a +0,4%. Di conseguenza, anche se negli ultimi tre mesi del 2016 la variazione congiunturale del pil fosse nulla, la crescita annua italiana per il 2016 si attesterebbe ora a +0,8%.

L’istituto nazionale di statistica, in attesa dei dati definitivi e completi che verranno resi pubblici il 15 febbraio, anticipa come il merito della seppur minima crescita sia dovuto soprattutto ai settori dell’industria e dei servizi, mentre è diminuito il valore aggiunto nel comparto agricolo. Determinante la domanda interna: “Vi è un contributo ampiamente positivo della componente nazionale (al lordo delle scorte) – fa notare l’Istat – in parte compensato da un apporto negativo della componente estera netta”.

Il dato italiano è in linea con il trend registrato nel trimestre dagli altri Paesi dell’area euro. L’Eurozona, però, ha registrato un progresso dell’1,6% rispetto allo stesso trimestre del 2015. Il premier Matteo Renzi ha accolto la notizia con un tweet in cui ha attribuito il risultato diffuso dall’Istat alle riforme del governo: “Con le riforme sale il Pil, senza riforme sale lo spread. Avanti tutta, l’Italia ha diritto al futuro #passodopopasso”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Legge di Bilancio, emendamenti bipartisan per tagliare le accise sulla birra

prev
Articolo Successivo

Legge di Bilancio, emendamento per nuova tassa casa con aliquota più alta. Poi Pd lo ritira: “Ce l’ha proposto l’Anci”

next