Il 15 novembre prenderanno il via le Ordinanze che prevedono l’obbligo di circolazione con pneumatici invernali o catene a bordo dove previsto. Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, con la direttiva del 16 gennaio 2013, ha infatti sancito che l’Ente proprietario della strada e/o il gestore, possano “prescrivere che i veicoli siano muniti ovvero abbiano a bordo mezzi antisdrucciolevoli o pneumatici invernali idonei alla marcia su neve e su ghiaccio”.

Tali ordinanze vengono applicate ai veicoli a motore e fuori dai centri abitati (ma i Comuni possono prevederle anche all’interno), nel periodo compreso tra il 15 novembre, appunto, ed il 15 aprile. Sono inoltre contemplate estensioni per luoghi che abbiano condizioni climatiche particolari, come le strade di alta montagna. Sono esclusi dalle ordinanze ciclomotori a due ruote e motocicli, per cui esiste tuttavia il divieto di circolazione qualora sia presente neve o ghiaccio sulla strada. Assogomma, associazione che riunisce i produttori di gomme invernali, ha messo a punto un utile guida con le dieci domande fondamentali in aiuto di chi sta per affrontare il cambio del proprio treno di gomme, che vi proponiamo.

Pneumatici invernali, da neve e termici. Esistono differenze o sono la stessa cosa?
Sono modi differenti per indicare pneumatici di tipo invernale che, per legge, non necessitano del montaggio di dispositivi di aderenza aggiuntivi. Sono distinguibili dalla marcatura M+S presente sul fianco del pneumatico (è un’autodichiarazione del costruttore)  e dall’eventuale ulteriore pittogramma Alpino (una montagna a 3 picchi con un fiocco di neve al suo interno) che attesta il superamento di uno specifico test di omologazione su neve.

Pneumatici invernali, il 15 novembre partono le Ordinanze. 10 cose da sapere

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Guida autonoma? In America c’era già negli anni ’80. Ecco il NavLab 1 – VIDEO

next
Articolo Successivo

Guida autonoma, dopo Google e Microsoft si getta nella mischia anche Intel: investimenti per 250 milioni di dollari

next