Il Bataclan riaprirà sabato 12 novembre alla vigilia del primo anniversario dell’attentato terroristico con un concerto di Sting. Lo ha annunciato questa mattina la proprietà del locale in cui il 13 novembre 2015 furono uccisi 93 spettatori da un commando di jihadisti fedeli all’Isis durante un concerto.

“Nel riaprire il Bataclan abbiamo due compiti importanti: il primo ricordare e onorare coloro che hanno perso la vita durante l’attacco di un anno fa, il secondo celebrare la vita e la musica che questo storico teatro rappresenta”, ha scritto il cantante sul suo sito confermando la notizia della Lagardere Unlimited Live Entertainment.

Il giorno dopo il concerto di riapertura, il Bataclan – dove i lavori di ristrutturazione si sono appena conclusi – ospiterà una cerimonia in omaggio alle vittime. All’evento saranno presenti anche i musicisti della band americana che si esibiva quella sera, gli Eagles of Death Metal. Fino ad ora era stato annunciato che la sala da concerto avrebbe riaperto il 16 novembre con un concerto del musicista britannico Pete Doherty, i cui biglietti, da quanto si legge sul sito del locale, sono già esauriti.

Insieme ai lavori di ristrutturazione della sala, distrutta dalle esplosioni e dagli spari, è stata rafforzato il sistema di sicurezza, con un nuovo automatismo per l’apertura delle porte.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mosca, lo stato dell’arte sulla ‘nazione russa’ nell’anno di grazia 2016

next
Articolo Successivo

Turchia, autobomba a Diyarbakir. Scontro a fuoco tra militari e curdi

next