Ecco la scena. Raccontata in breve. Studenti che pacificamente si ritrovano e pacificamente protestano a Palermo contro Renzi e il partito del capitale. Nulla di nuovo, fino a qui. Normale che vi siano dissensi e proteste. È, o dovrebbe essere, così in una democrazia. Che è, o dovrebbe essere, il potere che non solo accetta e non reprime il dissenso: ma che, di più, fa di esso il suo elemento costitutivo.

E invece a Palermo, questo fine settimana, non è andata così. Gli studenti pacificamente dissenzienti sono stati barbaramente manganellati. La polizia li ha caricati e colpiti senza riserve. E, diciamolo pure, senza ragioni. A meno che pestare barbaramente il dissenso abbia una ragione. Il Partito democratico ha, ancora una volta, svelato il suo vero volto: il volto del capitale, il volto del potere, il volto dello status quo.

Del resto, il reale posizionamento del Partito democratico ci era noto da tempo: è il Partito che alla Leopolda siede col delocalizzatore Marchionne e col mondialista della finanza Serra, mica coi lavoratori oggi abbandonati e privi di ogni rappresentanza. È il Partito neo-orwelliano che propone di rendere illegale lo sciopero (2015) e che – parola di Matteo Renzi – lamenta che oggi il differenziale nello stipendio tra imprenditori e lavoratori non è sufficientemente alto.

E ora, con questo nefando pestaggio di Palermo, abbiamo visto un’altra parte del Partito. Abbiamo ora svelato l’arcano circa l’enigmatica sigla Pd: Pestaggio democratico. Orwell è realizzato: 1984 non è più distopia, è realtà. La guerra è pace, la scuola è buona, il partito è democratico. Ed è anche la prova che è assai più breve del previsto il passo dal renziano adagio rassicurante “la mia scorta sarà la gente” al suo reale capovolgimento “la mia scorta sarà l’agente”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

M5S, anche a Genova forfait, risse e correnti. Così Grillo perde i pezzi in casa

prev
Articolo Successivo

Taglio stipendi parlamentari, Pd compatto dice No alla proposta di legge M5s: “Farsa, è tutta demagogia”

next