“Mi raccomando, andate a vedere tutti Crazy for Football. E’ una cosa bella: in bocca al lupo e buona la prima!”. Queste le parole di augurio di un testimonial d’eccezione, Francesco Totti, alla vigilia della presentazione, alla Festa del Cinema di Roma, di “Crazy for Football”, il film-documentario di Volfango De Biasi che ripercorre le vicende della prima nazionale italiana di calcio a 5, che l’anno scorso ha partecipato ai mondiali per pazienti psichiatrici a Osaka. Un film dove i protagonisti sono i giocatori e non la loro malattia, realizzato con l’intenzione di combattere i pregiudizi che circondano chi soffre di disagio mentale. La narrazione si snoda intorno a un gruppo di pazienti che arrivano dai dipartimenti di salute mentale di tutta Italia, pronti a diventare una vera squadra grazie al lavoro di un noto psichiatra, Santo Rullo, di un allenatore pieno di energia e di umanità, Enrico Zanchini, e di un campione del mondo di pugilato, Vincenzo Cantatore, nella veste di preparatore atletico

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nobel Letteratura 2016, tributo a Bob Dylan: ecco i brani che hanno creato la sua poetica

next
Articolo Successivo

Fan Car-Aoke, meglio Don Matteo. E Giampaolo Morelli sembra un autista Uber

next