La rapina è avvenuta di sera, verso le 22, in via Salvator Rosa a Napoli, e torna a proporre il tema della scarsa sicurezza della magistratura antimafia partenopea. La vittima infatti è un pm della Dda di Napoli in prima linea in delicate indagini e processi sul clan dei Casalesi e sulle diramazioni napoletane delle cosche criminali. Il pm rapinato è tra quelli privo di tutela. Mentre stava parcheggiando, è stato avvicinato da quattro giovani che lo hanno minacciato armi in pugno e si sono impossessati del portafoglio e dell’autovettura, una Peugeot 205 vecchia di quasi 15 anni. Il magistrato è riuscito a salvare solo l’anello nuziale e l’orologio. Mentre i banditi si dileguavano il pm ha chiamato i carabinieri, ma solo dopo mezz’ora è arrivata la polizia. Stamane il magistrato è andato a lavorare regolarmente, è atteso in udienza davanti al Tribunale per sostenere l’accusa contro alcuni esponenti del clan in un processo in corso nell’aula bunker del carcere di Poggioreale.

E così torna d’attualità la delicata questione della scarsa sicurezza dei pubblici ministeri antimafia a Napoli, che ha provocato alcune frizioni tra la magistratura e la prefettura partenopea. Il tema fu oggetto il 18 maggio di un’assemblea plenaria dei circa 100 tra sostituti e aggiunti della Procura di Napoli, il primo ufficio inquirente d’Italia per numero di magistrati, dopo la rivelazione delle minacce di morte al procuratore capo Giovanni Colangelo apprese dai verbali di un pentito. L’assemblea si concluse con la sottoscrizione di un documento che denunciava un malessere diffuso nell’ufficio e invitava i ministeri dell’Interno e della Giustizia a superare “l’approccio burocratico” alla questione della sicurezza dei magistrati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Aemilia, giudice: “La ‘ndrangheta in Emilia ha rotto gli argini e ha fatto salto di qualità”

prev
Articolo Successivo

Strage di via dei Georgofili, Firenze non smette di farsi domande 23 anni dopo

next