Chi è il vero vincitore del dibattito presidenziale tra Hillary Clinton e Donald Trump di domenica sera? Il signor Kenneth Bone. Se il nome non vi suggerisce granché non preoccupatevi: fino a poche ore fa, Bone era un perfetto sconosciuto con un gusto abbastanza sopra le righe in fatto di look. Maglione rosso a trecce, camicia bianca, occhiali da vista con montatura sottile in un mix ben riuscito tra Peter Griffin e SuperMario, Bone ha posto ai canditati una domanda coincisa e intelligente e lo ha fatto in modo calmo e cortese, quasi a “spezzare” l’atmosfera velenosa di un dibattito teso come mai prima.

Kenneth ha domandato a Trump e Clinton cosa intendano fare per quel che riguarda la politica energetica degli Stati Uniti, nell’ottica di mediare tra scelte eco-friendly e minimizzazione della perdita dei posti di lavoro per gli operai delle centrali fossili. Domanda ben formulata, look che su Twitter è stato definito “tenerissimo” e modi garbati: così Kenneth è diventato una vera superstar. “Stasera è nata una star”, “Ho deciso che voterò per Kenneth Bone”, “Un personaggio di Indovina Chi difende i nostri posti di lavoro”, sono solo alcuni dei tantissimi tweet e meme dedicati a Bone.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Successivo

Elezioni Usa 2016, Antonio Razzi: “Trump sessista? Ha fatto una battuta. Il passato è passato guardiamo avanti”

next