Scontro concitato, durante Coffee Break (La7), tra i giornalisti Davide Giacalone (Il Giornale), supportato da Claudia Fusani (L’Unità), e Ferruccio Sansa (Il Fatto Quotidiano). A scatenare il dibattito è Giacalone, che osserva: “Il nostro problema grosso è che in Italia nella massa di immigrati ci sono i profughi, che hanno diritto di essere accolti e aiutati, e poi ci sono i migranti economici, che tecnicamente sono clandestini. Questi vanno buttati fuori“. Non ci sta Sansa, che esprime dissenso per la espressione “buttare fuori”: “Parliamo di persone. In Africa un bambino su 9 muore. La coscienza se ne infischia dei confini. Non voglio sottovalutare la paura degli italiani e degli europei, ma la speranza di questa gente non ha timbri”. “Mio nonno è nato in Africa” – ribatte Giacalone – “Ci sono delle regole che abbiamo rispettato per andare a lavorare e portare ricchezza in quei luoghi. Noi italiani siamo orgogliosi dei nostri migranti. Ma questo pietismo è quello che collabora a rendere ricco il mercato dei trafficanti. E questa è una colpa“. “Non è affatto pietismo”, replica Sansa, che viene attaccato anche dalla Fusani

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti, padre Armanino: “I profughi? Sono poveri, danno fastidio. Ma devono avere il diritto di partire”

prev
Articolo Successivo

Giornata Internazionale delle bambine, cosa significa avere 10 anni

next