Un uomo ha accoltellato e ferito otto persone in un centro commerciale di Saint Cloud in Minnesota ed è stato ucciso durante il blitz delle forze dell’ordine. L’aggressore, secondo le ricostruzioni della polizia, indossava l’uniforme di una compagnia di sicurezza privata, invocava Allah e ha chiesto ad almeno una delle vittime se fosse musulmana. Dopo alcune ore è arrivata la rivendicazione dell’Isis via Amaq. “Era un soldato dello Stato islamico, ha compiuto l’operazione per colpire i cittadini dei Paesi della Coalizione crociata”, si legge sul network.

L’attacco è avvenuto alle otto e un quarto di sera del 17 settembre, appena quindici minuti prima della esplosione di New York. Le vittime sono state trasportate in ospedale e non sono in pericolo di vita. Il centro commerciale ha chiuso naturalmente subito dopo il fatto. “All’improvviso – racconta un testimone al St. Cloud Times – abbiamo sentito dei rumori e abbiamo pensato che qualcuno fosse caduto su uno scaffale. Tutti hanno iniziato a correre, e li abbiamo visti venire nella nostra direzione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parigi, operazione anti-terrorismo nella zona di Les Halles. “Falso allarme”

next
Articolo Successivo

Bomba a New York, l’esplosione registrata dalle telecamere di sicurezza

next