Un uomo ha accoltellato e ferito otto persone in un centro commerciale di Saint Cloud in Minnesota ed è stato ucciso durante il blitz delle forze dell’ordine. L’aggressore, secondo le ricostruzioni della polizia, indossava l’uniforme di una compagnia di sicurezza privata, invocava Allah e ha chiesto ad almeno una delle vittime se fosse musulmana. Dopo alcune ore è arrivata la rivendicazione dell’Isis via Amaq. “Era un soldato dello Stato islamico, ha compiuto l’operazione per colpire i cittadini dei Paesi della Coalizione crociata”, si legge sul network.

L’attacco è avvenuto alle otto e un quarto di sera del 17 settembre, appena quindici minuti prima della esplosione di New York. Le vittime sono state trasportate in ospedale e non sono in pericolo di vita. Il centro commerciale ha chiuso naturalmente subito dopo il fatto. “All’improvviso – racconta un testimone al St. Cloud Times – abbiamo sentito dei rumori e abbiamo pensato che qualcuno fosse caduto su uno scaffale. Tutti hanno iniziato a correre, e li abbiamo visti venire nella nostra direzione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parigi, operazione anti-terrorismo nella zona di Les Halles. “Falso allarme”

next
Articolo Successivo

Bomba a New York, l’esplosione registrata dalle telecamere di sicurezza

next