Il costituzionalista Gustavo Zagrebelsky, ospite alle Festa del Pd a Torino per parlare di referendum costituzionale insieme a Luciano Violante, viene interrotto da alcuni presenti. “Parla di contenuti”, si rivolge a lui una ragazza dei Giovani democratici mentre il professore commenta la scelta del premier di annunciare le sue dimissioni in caso di sconfitta. “Le ragioni del Sì e quelle del No…”, lo incalza un altro astante. La misura è presto colma. Zagrebelsky è costretto a chiarire: “Quando questi maleducati saranno la maggioranza nel Pd allora me ne andrò. Per ora alla Festa dell’Unità e del Pd sono anch’io a casa mia”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, Zagrebelsky alla Festa Pd: “Napolitano parla di guerra? Sì o No così perdiamo tutti”

next
Articolo Successivo

Vincenzo De Luca, incubo degli storici. Unica certezza: fu un violento

next