Mi ha lasciato senza parole la frase scritta in un articolo dal direttore della testata on –line La Gazzetta di Lucca Aldo Grandi, dove definisce il presidente del Consiglio Matteo Renzi “ex boy-scout traditore da mettere al muro e fucilare nella schiena”. Credo che manifestare il proprio dissenso sia un diritto sacrosanto, ma che lanciare certi messaggi sia sbagliato per di più se tale frase è pronunciata dal direttore di una testata giornalistica che in breve tempo può raggiungere molte persone rischiando di “stimolare” atteggiamenti violenti che peraltro sono già ben presenti purtroppo nella quotidianità del nostro Paese.

Non ho mai negato il mio dissenso pubblico verso la politica del premier Matteo Renzi e a tutti coloro che non ascoltano i bisogni reali dei cittadini visto che mi occupo di tematiche socio politiche e in particolare di disabilità, ma non ho mai suggerito atteggiamenti violenti continuando comunque a lottare. Suggerisco al Direttore Aldo Grandi di lanciare attraverso La Gazzetta di Lucca online vari momenti di aggregazione per dire “no” alla politica di Renzi e non solo.

Invito tutti a non smettere mai di lottare per i vostri ideali nel rispetto della libertà altrui e senza usare la violenza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Raggi, Gomez: ‘La falsa notizia sull’attacco dell’Osservatore Romano? Una porcata’

prev
Articolo Successivo

‘Servo di Grillo’, anzi ‘lacchè del Pd’: il giornalismo al tempo del tifo

next