Il burqa è un ostacolo all’integrazione. Per questo la Germania è pronta a introdurre un divieto parziale del velo integrale che occulta anche il volto. Parola della cancelliera tedesca Angela Merkel, che giovedì ha spiegato: “Dal mio punto di vista, in Germania una donna completamente velata ha poche possibilità di integrarsi“. E ha dato pieno sostegno al ministro dell’Interno Thomas de Maizière secondo il quale il divieto integrale va escluso in quanto “il Tribunale costituzionale lo respingerebbe”, ma è possibile introdurre l’obbligo di mostrare il voto in determinati luoghi, come gli uffici della pubblica amministrazione.

Il dibattito nel Paese è acceso, perché il ministro dell’Interno della Baviera, Joachim Herrmann, continua a insistere sulla necessità di un divieto totale. E  venerdì i ministri dell’Interno regionali dell’Unione cristiano-democratica e sociale (Cdu-Csu, il partito della cancelliera) chiederanno in giornata il divieto di portare il burqa e altri tipi di veli islamici che coprono il volto, come il niqab, negli uffici pubblici, durante le manifestazioni e per chi guida un’automobile. A riferirlo in tv, citato dall’agenzia Dpa, il ministro federale Thomas de Maizière.

“Siamo d’accordo nel voler prescrivere l’obbligo di mostrare il volto dove è necessario per la convivenza nella nostra società: al volante, davanti alle autorità, all’Ufficio di stato civile, in scuole e università, nel servizio pubblico, di fronte a un tribunale”, ha detto il ministro sul secondo canale pubblico Zdf. “Rifiutiamo all’unanimità il burqa, non è adatto al nostro paese aperto al mondo”, ha detto ancora de Maizière.

Intanto il primo ministro francese Manuel Valls si è espresso contro l’uso del burkini, il tipico costume da bagno islamico, definendolo “incompatibile con i valori della Francia”. Tuttavia, in un’intervista a La Provence, anche Valls aveva dichiarato di essere sfavorevole a una legge che ne vieti l’uso. Della stessa idea è il ministro degli Interni italiano, Angelino Alfano: “La nostra Costituzione garantisce a tutti la libertà di culto” e un divieto “sarebbe una provocazione”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Yemen, Medici senza frontiere evacua il proprio staff dal nord del paese, dopo il bombardamento sull’ospedale di Abs

prev
Articolo Successivo

Usa, “The emperor has no balls”: spuntano statue di Trump nudo in varie città. Ed è selfie-mania

next