di Marta Coccoluto

Innovare fa rima con cambiare. E significa cambiare lo stato delle cose attraverso qualcosa di nuovo – mezzi, strumenti, sistemi, concetti, norme, tecnologie – proprio come ci dice quel novus latino, in cui è racchiusa tutta l’essenza dell’innovare.
Innovare fa anche rima con immaginare, perché è difficile “rovesciare il tavolo” senza quella capacità di vedere un futuro diverso e migliore oltre la comoda abitudine e il rassicurante costituito.

Stiamo forse dicendo che gli innovatori sono da ricercare più tra i rivoluzionari che tra i tecnici, gli scienziati e gli esperti? In altre parole, che a fare innovazione siano le persone che utilizzano gli strumenti e le conoscenze più che coloro che glieli mettono a disposizione?

Guardiamo ai nomadi digitali: non hanno inventato il Web, non hanno ideato il lavoro freelance, non hanno scoperto l’e-commerce né l’assistenza virtuale o l’e-learning, ma hanno sfruttato la Rete e le sue opportunità per “innovare” il loro stile di vita e il loro lavoro, rendendosi liberi di vivere e lavorare ovunque grazie a Internet.

Indubbiamente sono tra gli innovatori… ma esserlo è questione di attitudine innata o è il risultato di costante, tenace e reiterata applicazione? Ovvero, innovatori si nasce o si diventa?

Le prime anticipazioni del Rapporto sulla Cultura dell’Innovazione COTEC 2016, che sarà presentato a settembre, delineano un quadro dai contorni molto netti: in Italia innovatori si nasce.

E poco contano la formazione universitaria e le conoscenze e competenze informatiche – che solo per il 9,7% e per il 9,9% degli intervistati influiscono sull’attitudine personale all’innovazione – e ancor meno la giovane età (per il 7,1%), che non è automaticamente portatrice di cambiamento, così come l’esperienza (per il 12,6%) che serve, ma non è un pre-requisito.

A essere determinanti sono invece la creatività – che per il 48,4% è quel che più caratterizza il DNA di chi fa innovazione –, abbinata all’intuito (per il 31%) e alla curiosità (per il 30%). Skill personali dunque, da mettere in gioco quando c’è bisogno di pensare a qualcosa di diverso per vivere e per lavorare meglio.

Certo, ci vogliono ottimismo e fiducia nel futuro (per il 19,9%), al momento ridotte per i più “al lumicino”, una buona predisposizione personale al rischio (per il 19,9%), che si traduce in una capacità di metabolizzare e fare tesoro dei fallimenti, e un’ottima capacità organizzativa (conta per il 17%).

Il dato che più sorprende è che negli innovatori si ravvisa l’attitudine alla disubbidienza (per il 17,4%), quell’agire in modo contrario a quanto stabilito, imposto, ordinato, quell’opporsi alle regole stabilite da qualcun’altro quando non si adattano al nostro modo di intendere vita e lavoro, quel “rovesciare il tavolo” cui facevo cenno prima.

È dunque un manipolo di creativi ottimisti e disubbidienti a guidare, secondo gli italiani, l’innovazione sociale, tecnologica ed economica del Paese? Ovvio che sia un’estremizzazione ma i dati rilevati indicano che è nelle iniziative delle migliori espressioni della società civile (associazioni, movimenti, organizzazioni) e nel coraggio di sperimentare, unito alla capacità di adattarsi a un contesto in continua evoluzione, delle Pmi italiane (per il 38%) che esiste vera innovazione.

Debole il ruolo del governo (incisivo solo per il 12% degli intervistati) – e poco significativo il ruolo degli investitori (conta per il 14,5%).

Ciò non sorprende: l’Italia è alle prese con una piena, tardiva e affannata rincorsa per il recupero della competitività, superata da Irlanda, Spagna e Polonia, e al 45esimo posto nella classifica del ‘Global Information Technology Report‘ 2016, che analizza come le economie usino le opportunità offerte dalle Information and Communications Technologies (Ict) e colloca l’Italia appena prima della Macedonia.

Abbiamo scalato ben 10 posizioni rispetto al 2015, ma se si analizzano le rilevazioni nel dettaglio, il contesto politico e di business complessivo fanno scendere il nostro Paese addirittura all’85esimo posto, mentre il peso del fisco sugli utili delle aziende lo fanno precipitare ad un impietoso 129esimo posto (su 139 complessivi).

E mentre cresce l’attesa per i risultati concreti dell’attuazione dell’Agenda Digitale, lanciata nel 2015, resta diffusa la sensazione che l’innovazione si alimenti da sé, senza una vera strategia di crescita e di sviluppo complessiva, e che anche chi ha le ‘doti per’ si muova in un contesto in cui fa fatica.

L’Italia non è (ancora) un Paese per innovatori, neanche per chi innovatore ci nasce.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Internet: si scrive cyberbullismo, ma si legge norma ammazza web

next
Articolo Successivo

Internet delle cose, opportunità per tutti o solo per gli hacker?

next