La storia di Susanna, la ragazza romana di 19 anni morta di meningite fulminante a Vienna, sulla strada di ritorno da Cracovia, dopo aver partecipato alla Giornata mondiale della gioventù riporta sulle prime pagine dei media un’infezione spesso sottovalutata e ancora letale nonostante gli sforzi dei ricercatori. “Purtroppo le meningiti sono malattie molto gravi, difficili da riconoscere nelle fasi iniziali – spiega Alberto Villani, responsabile di Pediatria generale e Malattie infettive dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma -. Anche quando la diagnosi viene fatta tempestivamente, e la terapia antibiotica praticata subito e in maniera adeguata, la possibilità di guarire completamente è inferiore al 50%”.

La meningite è una infiammazione delle membrane di rivestimento del sistema nervoso centrale, le meningi, che avvolgono encefalo e midollo spinale. Esistono due forme della malattia, batterica e virale, entrambe mortali. Il contagio avviene per via aerea, ma occorre un contatto molto ravvicinato con la persona infettata. “Nella prima fase della malattia, le prime 7-10 ore, i sintomi sono quelli di una normale influenza – si legge in un comunicato del Bambino Gesù -. Dopo 10 ore le manifestazioni cominciano a diventare più caratteristiche: mal di testa molto intenso, rigidità del collo e febbre elevata. Nell’ultima fase, tra le 20 e le 36 ore – aggiungono gli esperti -, si presentano i sintomi gravi e tipici della meningite: perdita di conoscenza, convulsioni, macchie sul corpo”.

A essere maggiormente esposti, i bambini nella primissima infanzia e i giovani dai 15-18 anni ai 24-25 anni. Secondo gli infettivologi del Bambino Gesù, in Italia si registrano circa 1.000 nuovi casi di meningite ogni anno, 3 su 10 riportano esiti gravi e permanenti, come seri problemi alla vista e deficit neuro-motori.

“Malgrado i progressi della medicina nella rianimazione e nell’assistenza al paziente – sottolineano gli esperti dell’ospedale romano -, la mortalità, pari a circa il 10%, non è diminuita”. Ma quali sono gli strumenti in possesso della medicina moderna per contrastare la meningite, e gli ultimi progressi della ricerca contro la malattia? “L’unica arma per difendersi, per proteggere soprattutto i bambini e chi è più vulnerabile all’aggressione dei batteri, è la vaccinazione, che è fondamentale, e possibile a qualsiasi età – spiega senza mezzi termini Alberto Villani -. Chi non si vaccina, infatti, non danneggia solo se stesso, ma mette a repentaglio anche gli altri. Attualmente, infatti, accade anche che siano giovani adulti che non hanno effettuato i richiami vaccinali, o anziani non vaccinati, a contagiare bambini e neonati”.

Oggi sono disponibili vaccini specifici per la meningite batterica da Haemophilus influenzae di tipo B e per le forme, le più frequenti, causate dai ceppi principali del meningococco e dallo pneumococco. Uno degli aspetti ancora poco noti della meningite è capire come i batteri riescano a superare la barriera emato-encefalica, uno sbarramento che protegge il cervello da eventuali intrusioni nocive, sia di sostanze tossiche che di agenti patogeni, attraverso il torrente sanguigno.

Proprio i progressi degli studi sullo pneumococco hanno permesso d’individuare come il batterio riesca a superare questa barriera, penetrando nel cervello, fino a provocare la meningite. Il cavallo di troia è rappresentato da strutture proteiche presenti sulla superficie del microrganismo, dette “pili”, veri e propri ponti di attraversamento. La conferma arriva da uno studio svedese del Karolinska Institutet, pubblicato su “The Journal of Clinical Investigation”. Uno studio a partire dal quale i ricercatori confidano adesso di mettere a punto nuove promettenti armi contro la meningite.

Lo studio svedese

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eruzione solare, tempesta magnetica e spettacolari aurore nei cieli polari

next
Articolo Successivo

Girasoli, svelato il mistero del loro “girare”: è il ritmo circadiano

next