Il 36° anniversario della strage alla stazione di Bologna è l’occasione per parlare con alcuni tra i sopravvissuti e i famigliari delle 85 vittime di quel 2 agosto 1980. Per la strage sono stati condannati in via definitiva i membri dell’organizzazione terroristica di estrema destra dei Nar Valerio Fioravanti, Francesca Mambro e Luigi Ciavardini. Ancora si cercano i mandanti. Il presidente dell’Associazione dei familiari delle vittime della strage di Bologna, Paolo Bolognesi, durante il suo discorso in Comune, ha criticato il libro dell’ex magistrato Rosario Priore e dell’avvocato di Ciavardini, Valerio Cutonilli, edito dalla casa editrice Chiarelettere, ‘I segreti di Bologna’. “Recentemente è uscito un libro che ripercorre la pista palestinese. Questi personaggi non si accontentano di mettere avanti altre piste – continua Bolognesi -, ma con operazioni di sciacallaggio cercano di prendere in mezzo varie vittime che sono state uccise in questa strage. Che lo si faccia per vendere qualche copia in più è una cosa squallida”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, presa la banda rom che smurava gli sportelli bancomat con il carroattrezzi: 8 arresti

prev
Articolo Successivo

Milano, multato automobilista fermo in curva. “Ero alla ricerca dei Pokemon”

next