Il plot aveva del geniale. Un’eclisse in arrivo, un cena tra amici e un gioco per ammazzare il tempo: tutti i telefoni sul tavolo, si leggono i messaggi in arrivo a voce alta, e sempre tutti insieme si ascoltano le chiamate ricevute in vivavoce. Risultato? Dallo spensierato ritrovo ai drammi familiari incrociati a base di rivelazioni inaspettate e amanti segreti spuntati dal nulla. Il cast prometteva bene e ha fatto scintille: Marco Giallini, Kasia Smutniak, Valerio Mastandrea, Anna Foglietta, Alba Rohrwacher. Quattro delle sette anime in cerca d’autore che nel regista Paolo Genovese e i suoi sceneggiatori Filippo Bologna, Paolo Costella, Paola Mammini e Rolando Ravello hanno creato la storia perfetta per sdoganare al cinema falsità e doppie vite celate negli smartphone. Una scrittura che galoppa tra riso e buonumore, ma che affonda i suoi colpi migliori sul malcostume italico di coppia.

Il dolceamaro che si assapora è quello di tante commedie irriverenti e tragiche del passato. Quelle della da molti compianta commedia all’italiana, dove dramma e battute a raffica s’intrecciavano magicamente come nella vita. Del buon cinema attuale presenta anche un non so che di francese, serrato nei suoi interni, un appartamento borghese a Roma, e una pergamena di dialoghi acuti, sempre accattivanti e mai ripetitivi ricca quanto un ottimo romanzo. E poi l’immancabile dato tecnologico che lo fa globale: lo smartphone. Infatti non sono bastati 2 David di Donatello, 3 Nastri d’Argento, un Globo d’Oro, 4 Ciak d’Oro, il Premio Tonino Guerra al Bari Film Festival e un Premio Flaiano. No, questa sceneggiatura è stata riconosciuta la migliore anche dal Tribeca Film Festival di New York.

Si poteva già parlare di consacrazione con i 19 milioni di euro d’incasso in patria, il suo esercito di 2,5 milioni di spettatori, e la True Colors che se lo è preso tra le braccia per distribuirlo nelle sale degli States. I numeri invece sono andati a diradarsi per farsi nomi di paesi che vogliono replicare il film nelle loro versioni: Francia, Usa, Turchia, Spagna, Germania, Svezia, Qatar. Eccoci al globale. La vita online racchiusa in un palmo di mano è la linea tecnologica e culturale che ci accomuna tutti. E in quanto uomini percorsi da sentimenti e nefandezze che Shakespeare espose nelle sue opere una volta per tutte, smartphone alla mano siamo tutti uguali. Almeno come pubblico potenziale.

Lo scontro dei sessi è alle porte. Solidarietà mascoline messe a dura prova dall’acume esplorativo del gentil sesso. Un intreccio dalle trovate raffinate che mette in gioco coscienza e pudore dello spettatore. Gli interrogativi a fine visione potrebbero farvi più male che bene. Ma è il bello di un cinema che colpisce a viso aperto, senza preavvisi e senza filtri. Tutti colpevoli e nessun vero innocente, questi uomini e queste donne rappresentano la generazione di quei non più giovanissimi adulti, ma neanche troppo maturi, che hanno in mano il proprio futuro e il presente dei propri figli. Il regista ha una macchina da presa che vola leggera anche tra quattro mura trasformandoci tutti nell’ottavo commensale di questa cena piena di colpi di scena. E anche il finale “riavvolto”, a pensarci bene, non è esattamente buonista come potrebbe apparire.

Funzionerà Perfetti sconosciuti come format globale? Si vedrà. Intanto si può trovare ancora in qualche cinema e arena estiva, o al più in versione homevideo. Ma potendo, meglio scegliere il Blu-Ray perché il dvd non contiene praticamente nulla degli extra con scene tagliate e i backstage sulla lavorazione. Un’occasione per sbirciare il lavoro impagabile di attori come Giuseppe Battiston nei panni scomodi dell’amico single e schiavo di una buffa app di ginnastica, o di Edoardo Leo e del suo personaggio doppiogiochista e sguaiatamente fanfarone.

@FranceDiBrigida

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giovanni Veronesi, una conversazione sul cinema ‘A ruota libera’

prev
Articolo Successivo

L’Estate addosso, l’ultimo film di Gabriele Muccino al Festival di Venezia. E il 15 settembre nelle sale

next