Il 29 luglio compie un anno il rilascio di Windows 10 e sarà anche l’ultimo giorno disponibile per effettuare l’aggiornamento gratuito da Windows 7 e Windows 8.1. Microsoft ha regalato per un anno agli utenti l’upgrade al suo ultimo sistema operativo in via promozionale, per spingerli ad abbandonare i sistemi più vecchi prima della loro “scadenza naturale” (Windows 7 non riceverà più aggiornamenti dal 2020). Ma adesso, dal 30 luglio, una licenza Windows 10 Home costerà 135 euro e il pacchetto Windows 10 Pro 279 euro.

Aggiornare il sistema operativo in queste ultime 24 ore garantirà anche il download gratuito di Windows 10 Anniversary Update, previsto per il 2 agosto. Si tratta di un cambiamento radicale, l’ultimo passo di un processo che sta portando Microsoft a unire le app di Windows e di Xbox in un unico app store: “Un unico store unificato su più dispositivi”, ha spiegato il dirigente di Xbox Phil Spencer. La stessa piattaforma potrà essere visualizzata e utilizzata sul desktop, sullo smartphone e su Xbox.

Il più grosso produttore di software al mondo vuole semplificare anche il lavoro degli sviluppatori per elaborare e mettere in commercio i loro prodotti in questa app universale. Sarà inserito, ad esempio, un tool tramite cui convertire automaticamente vecchi e nuovi videogames in app per la nuova multi-piattaforma. Per farla breve tutti i titoli della console potranno essere giocati sul pc. Lo strumento consentirà inoltre agli sviluppatori di aggiungere il supporto per le live tiles (i riquadri presenti sullo start screen che visualizzano le notifiche di diverse app social), le notifiche e l’utilizzo sul pc del controller di Xbox One, indipendentemente dalla loro piattaforma originale. La stessa Xbox One diventerà un vero e proprio kit per sviluppatori, in cui si potrà facilmente passare dal gioco al lavoro di sviluppo sulle proprie app.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italia, quale futuro per lavoro e tecnologia nel 2050?

next
Articolo Successivo

Bitcoin: se non è una valuta, allora niente riciclaggio

next