Alcuni animalista della Meta, Movimento Etico Tutela Animali e ambiente, sarebbero stati denunciati dai genitori di un minore che sarebbe scoppiato in lacrime a causa del blitz animalista sulle rive del fiume Sesia, a Quarona (Vercelli) dove era in corso una competizione di pesca. A riferirlo l’associazione ‘La pesca in mare‘ che stigmatizza quella che definisce un’aggressione da parte degli attivisti della Meta, che hanno ripreso la loro azione per poi pubblicarla sul profilo Facebook dell’associazione rivendicandola come “un ottimo risultato alla gara di pesca alla trota: trote pescate zero”. Gli attivisti avrebbero lanciato sassi in acqua per impedire la pesca, accusando i pescatori di esserre “assassini”. A quel punto la tensione è salita in fretta

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Piemonte, giornata nera in montagna: tre alpinisti hanno perso la vita

prev
Articolo Successivo

Elba, sindaci allontano famiglie rom. Aduc denuncia: ‘E’ razzismo istituzionale, fate ferie altrove’

next