Alcuni animalista della Meta, Movimento Etico Tutela Animali e ambiente, sarebbero stati denunciati dai genitori di un minore che sarebbe scoppiato in lacrime a causa del blitz animalista sulle rive del fiume Sesia, a Quarona (Vercelli) dove era in corso una competizione di pesca. A riferirlo l’associazione ‘La pesca in mare‘ che stigmatizza quella che definisce un’aggressione da parte degli attivisti della Meta, che hanno ripreso la loro azione per poi pubblicarla sul profilo Facebook dell’associazione rivendicandola come “un ottimo risultato alla gara di pesca alla trota: trote pescate zero”. Gli attivisti avrebbero lanciato sassi in acqua per impedire la pesca, accusando i pescatori di esserre “assassini”. A quel punto la tensione è salita in fretta

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Piemonte, giornata nera in montagna: tre alpinisti hanno perso la vita

next
Articolo Successivo

Elba, sindaci allontano famiglie rom. Aduc denuncia: ‘E’ razzismo istituzionale, fate ferie altrove’

next