Meglio tardi che mai. Arriva una bella notizia per i passeggeri dei treni: l’Autorità dei Trasporti ha inflitto tre sanzioni pecuniarie amministrative a Trenitalia per la violazione, segnalata proprio Authority dai singoli passeggeri e da un Comitato di pendolari, del diritto degli abbonati a ricevere un indennizzo adeguato, a fronte di ripetuti ritardi o soppressioni del servizio delle tratte regionali. Il regolamento CE n. 1371/2007 afferma. infatti, “che la tutela del diritto all’indennizzo è diretta anche a garantire l’interesse generale all’efficienza del servizio, mediante un più forte stimolo per il mercato del trasporto ferroviario di passeggeri, a vantaggio dei viaggiatori”. Le situazioni esaminate dal Consiglio riguardavano viaggiatori – tra cui numerosi pendolari – su tratte ferroviarie per le quali Trenitalia ha stipulato contratti di servizio con le Regioni Abruzzo, Emilia Romagna e Molise.

Che si tratti di un importante segnale per tutti i pendolari italiani è fuori dubbio, ma va anche sottolineato che l’entità della sanzione è irrisoria: 13.000 euro in totale. Il caso dovrebbe, però, portare a una serie di interventi sanzionatori nei confronti della società delle Fs nei prossimi mesi.
Nello specifico, le tre sanzioni ammontano a: 4mila euro per la violazione accertata con riferimento ad una segnalazione del 12 marzo 2015, concernente la linea Cassino-Avezzano; 5mila euro per la violazione accertata con riferimento ad un reclamo del 7 agosto 2015, concernente il percorso ferroviario Imola-Bologna; 4mila euro per la violazione accertata con riferimento ad un reclamo del 10 novembre 2015, concernente il percorso ferroviario Isernia-Campobasso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Scippo di Stato

di Daniele Martini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Turchia, Deutsche Bank: “Unicredit tra le banche più esposte verso il Paese”. Crolla borsa di Istanbul, la lira recupera

next
Articolo Successivo

Deutsche Bank chiude 200 filiali, un quarto di quelle che ha in Germania

next