Stasera, giovedì 14 luglio, alle ore 22.55, National Geographic (Sky, canale 403) ripercorre in “Explorer – Virunga: una parco da salvare“, i conflitti che stanno mettendo in pericolo il più antico Parco Nazionale d’Africa che si estende per 8.000 km quadrati tra montagne innevate, vulcani, savana, paludi, foreste tropicali. Un paradiso di biodiversità, dichiarato dall’Unesco patrimonio dell’umanità, che tuttavia è da considerarsi come una delle zone più instabili del pianeta. Nel 1994 il conflitto scoppiato in Ruanda si è esteso al Congo: più di un milione di civili sono fuggiti dal Paese, insediandosi in campi incredibilmente sovraffollati ai margini del Parco. La maggior parte di queste persone è costretta a vivere in estrema povertà. Una situazione diventata terreno fertile per gruppi di milizie armate che reclamano, con la forza, di poter usufruire delle risorse naturali di cui dispone il Parco Nazionale di Virunga. I ranger del Parco svolgono con coraggio il proprio ruolo a difesa dell’incredibile biodiversità presente a Virunga, tuttavia, in questo territorio dilaniato da guerre e interessi, rimangono sempre più spesso vittime di omicidi ed episodi di violenza. Basti pensare che dal 1996 sono stati uccisi 152 guardaparco. In questo precario equilibrio, le innumerevoli specie protette presenti nel Parco vengono utilizzate come pedine di una sanguinosa partita a scacchi. E, primi tra tutti, i gorilla di montagna. Il Parco di Virunga è considerato il loro habitat naturale, con oltre 400 degli ultimi 880 gorilla di montagna rimasti sul pianeta si trovano nel Parco nazionale più antico d’Africa. Ulteriore elemento di instabilità è rappresentato dall’industria petrolifera, che attraverso metodi più o meno legittimi cerca di estrarre le risorse del Parco. Emmanuel de Merode, dopo essere scampato a numerosi attentati, dirige il Parco di Virunga. È diventato l’uomo simbolo della difesa dell’ambiente in una zona dilaniata dalla guerra e ha dato avvio ad un ambizioso progetto per produrre energia idroelettrica dalle acque dei fiumi del Virunga che dovrebbe portare corrente a un quarto delle abitazioni nella zona e creare almeno 60mila posti di lavoro. Ranger, milizie armate, giganti dell’industria petrolifera un patrimonio dell’UNESCO come campo di battaglia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Trump, The Apprentice President”, stasera su SkyTg24 il documentario su vita e ascesa del magnate

prev
Articolo Successivo

Bruce Springsteen, “daje Roma, vi amo!”: il Boss strega i 60mila del Circo Massimo

next