C’è urgente bisogno di sangue, soprattutto del gruppo sanguigno “0 RH” positivo e negativo, all’ospedale di Andria, dove sono stati portati alcuni feriti sopravvissuti alla sciagura sulla linea ferroviaria tra Andria e Corato. Chi volesse rendersi utile può contattare il numero 080.8721014 della Polizia Municipale di Corato e il numero 0883.299267 del centro trasfusione di Andria.

L’Asl della provincia di Barletta, Andria e Trani ha invece attivato tre linee telefoniche per fornire e ricevere informazioni utili sulle persone coinvolte: 0883 299750 – 0883 299416 – 0883 299411. Un centro di informazione per il ricongiungimento familiare dei passeggeri coinvolti è stato invece allestito dalla Protezione civile nel palazzetto dello sport di Andria.

Per l’emergenza, il centro emotrasfusionale dell’ospedale di Andria è rimasto aperto anche questo pomeriggio in via eccezionale ed è già affollato di donatori. Ma l’emergenza non è finita. L’Avis di Corato consiglia quindi di recarsi a donare anche domani mattina, venerdì e sabato mattina, nonchè nei prossimi giorni, presso lo stesso ospedale ma anche in quelli di Trani, Molfetta, Barletta e Bari. L’annuncio è stato diffuso dal comando della polizia municipale di Corato e rilanciato dal profilo Facebook dell’Avis di Corato e da numerosi utenti sui social media. La risposta dei pugliesi non si è fatta attendere. Molti cittadini si sono presentati per donare il sangue immediatamente dopo la pubblicazione dei primi appelli. In particolar modo ad Andria e al Policlinico di Bari.

Il Dipartimento Promozione della Salute della Regione Puglia, di comune accordo con il Coordinamento Regionale delle Attività Trasfusionali (CRAT), comunica che tutti i Servizi Trasfusionali della Regione Puglia rimarranno aperti oggi e domani, 12 e 13 luglio, dalle ore 8.00 alle ore 19.00. “E’ importante che tutti siano consapevoli dell’importanza di questo gesto di solidarietà, indispensabile a garantire la continua disponibilità di sangue durante questa emergenza”, si legge nella nota ufficiale della Regione.

La Protezione civile regionale è sul luogo dai primi momenti dopo la tragedia, dove ha allestito un ospedale da campo per i primi soccorsi. “La Protezione civile si è attivata subito e il sistema dei soccorsi sta funzionando e gestendo l’estrema emergenza e gravità della situazione. Sono ancora in corso le operazioni di recupero di tutti i passeggeri”, ha comunicato in una nota la Regione Puglia.

La Croce Rossa Italiana, tramite il Comitato regionale e la sala operativa regionale della Puglia, ha mobilitato 50 volontari sul luogo dell’incidente e dalle sedi di Andria, Barletta e Molfetta ha inviato 3 ambulanze per supportare le operazioni di soccorso e l’evacuazione dei feriti. Altre 7 ambulanze dei comitati di Foggia, Cerignola, Bari, Gioia del Colle, Fasano, Monopoli e Ostuni stanno andando all’ospedale di Andria per mettersi a disposizione dei soccorsi.

Le Infermiere Volontarie CRI degli Ispettorati II.VV. di Bari e Andria hanno raggiunto l’ospedale di Andria per fornire supporto psicologico ai feriti e ai familiari delle vittime. Sono inoltre attive le Sale Operative Provinciali della Croce Rossa Italiana di Bari, Andria e Barletta.

Anche un elicottero del 118 della Basilicata è intervenuto nella zona di Corato per aiutare nelle operazioni di soccorso dopo lo scontro fra due treni. L’elicottero, partito da Matera, ha trasportato due feriti – in gravi condizioni – negli ospedali di Barletta e di Bari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scontro treni, “Scena orrenda: morti e grida di aiuto”. L’ipotesi dell’errore umano

next
Articolo Successivo

Ferrovie, dal disastro del Pendolino allo scontro frontale in Puglia: tutti gli incidenti in Italia dal 1997

next