“E’ stata una scena allucinante e orrenda. C’erano dappertutto corpi di persone decedute e gente che chiedeva aiuto”. E’ la drammatica testimonianza resa ai microfoni del TgNorba da uno dei primi soccorritori accorsi sul luogo del tragico scontro ferroviario tra Corato e Andria. L’agente di Polizia, visibilmente sconvolto, non ha più voluto rispondere alle domande del giornalista. La tv locale pugliese ha anche mostrato le immagini dei primi soccorsi e ha raccolto alcune dichiarazioni indignate di due macchinisti presenti sul luogo della tragedia. A riportarle è l’inviato del TgNorba: “Erano arrabbiati coi giornalisti e hanno detto che l’incidente non può essere stato provocato dai macchinisti, che non sappiamo essere vivi, perché per far camminare un treno è necessaria l’autorizzazione di almeno tre persone. E questo vuol dire che l’ordine di partenza dei treni è arrivato da una stazione, forse dalla stazione centrale, quindi è impossibile che si sia trattato dell’errore di una sola persona”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scontro treni, il cordoglio di Renzi per le vittime: “Capire chi sono i responsabili”

prev
Articolo Successivo

Puglia, serve sangue all’ospedale di Andria: gruppo sanguigno Zero

next