“E’ stata una scena allucinante e orrenda. C’erano dappertutto corpi di persone decedute e gente che chiedeva aiuto”. E’ la drammatica testimonianza resa ai microfoni del TgNorba da uno dei primi soccorritori accorsi sul luogo del tragico scontro ferroviario tra Corato e Andria. L’agente di Polizia, visibilmente sconvolto, non ha più voluto rispondere alle domande del giornalista. La tv locale pugliese ha anche mostrato le immagini dei primi soccorsi e ha raccolto alcune dichiarazioni indignate di due macchinisti presenti sul luogo della tragedia. A riportarle è l’inviato del TgNorba: “Erano arrabbiati coi giornalisti e hanno detto che l’incidente non può essere stato provocato dai macchinisti, che non sappiamo essere vivi, perché per far camminare un treno è necessaria l’autorizzazione di almeno tre persone. E questo vuol dire che l’ordine di partenza dei treni è arrivato da una stazione, forse dalla stazione centrale, quindi è impossibile che si sia trattato dell’errore di una sola persona”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scontro treni, il cordoglio di Renzi per le vittime: “Capire chi sono i responsabili”

next
Articolo Successivo

Puglia, serve sangue all’ospedale di Andria: gruppo sanguigno Zero

next