Avevano filmato con lo smartphone lo stupro di gruppo a cui avevano costretto la fidanzata di uno di loro, pensavano di averla fatta franca. Tre savonesi, giovani promesse del calcio ancora minorenni, sono finiti in carcere – tra Torino, Bologna e Milano – con l’accusa di violenza sessuale: ad incastrarli, proprio il video e le foto che avevano ancora sui loro cellulari. Uno è stato rintracciato e identificato subito, gli altri due – come riportato dal Secolo XIX – al ritorno dalla Spagna, dove erano andati a un torneo di calcio con la loro squadra.

La vittima è una ragazza appena maggiorenne, era la fidanzata di uno dei tre compagni di squadra, rinchiusi in carceri minorili nonostante fossero incensurati e non fossero mai stati coinvolti in simili precedenti. Il giudice del Tribunale di Genova ha deciso dopo aver visionato le immagini e i filmati contenuti nel telefonino, su richiesta del pm della Procura minorile Francesca Ghiglione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, ospedale Sant’Eugenio senza biancheria per i pazienti: “Colpa dei tagli”

next
Articolo Successivo

Ratzinger a Papa Francesco: “Grazie per la sua bontà, vada avanti per la via della misericordia”

next