ChiantiBanca ha presentato a Bankitalia richiesta di way out. In poche parole, il consiglio d’amministrazione ha chiesto di sottrarsi alla holding unica delle banche di credito cooperativo disegnata dalla recente riforma del settore operata dal governo. La legge consente di sfruttare questa opzione solo agli istituti con un patrimonio superiore ai 200 milioni di euro.

L’istituto toscano è presieduto dall’economista Lorenzo Bini Smaghi, la cui moglie Veronica De Romanis è stata consulente del ministero dell’Economia. Prima di ChiantiBanca, a chiedere il way out era stata la Bcc di Cambiano, che tra i dirigenti annovera Marco Lotti, padre del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Luca Lotti.

Contestualmente all’istanza presso Bankitalia, è stata inviata relativa comunicazione ai soci di ChiantiBanca, i quali “saranno chiamati a decidere in merito a questa fondamentale scelta strategica – sostiene l’istituto – anche sulla base dei risultati delle analisi e valutazioni di vantaggi e svantaggi che saranno condotte in questi mesi”. Il cda, scrive ChiantiBanca, “si impegna a vagliare con cura ed estremo scrupolo ogni aspetto operativo, occupazionale e legale in modo da rappresentare ai soci, entro la fine dell’anno, il quadro il più possibile corretto e fedele delle opportunità e dei rischi inerenti ai due scenari dettati dalla riforma del Credito Cooperativo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Energia, multe Antitrust da 14,5 milioni per Enel, Acea, Eni, Edison. “Pratiche aggressive nelle bollette”

prev
Articolo Successivo

Pensioni, Nannicini: ‘Assegno anticipato ai nati dal ’51 al ’53 con aiuto delle banche’. Economista: ‘Risparmi a rischio’

next