Nel mondo meno dell’1% della lana proviene da pecore allevate in Italia, mentre le aziende di abbigliamento vendono il cosiddetto “lusso della lana italiana” in tutto il globo. Questo filmato, diffuso dall’organizzazione no-profit PETA che si batte per i diritti degli animali, è stato girato in alcuni allevamenti di ovini nel Cile, che invece esporta il 30% della sua lana in Italia, dove viene lavorata. Le immagini mostrano animali sottoposti a mutilazioni. Gli ovini vengono lasciati sanguinanti dopo la tosatura e presi a calci. Il direttore dell’organizzazione Mimi Bekhechi ha dichiarato: “La crudeltà è la norma in questo settore spregevole”. Ad oggi, solo un marchio di abbigliamento ha deciso di scartare il fornitore dopo che l’organizzazione ha mostrato il filmato

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Disabili, vi presento sua maestà l’inaccessibilità

next
Articolo Successivo

Pride a Roma, Luxuria sbotta contro la trans: “Via quella croce, è offensivo”. La fermano

next