Nel mondo meno dell’1% della lana proviene da pecore allevate in Italia, mentre le aziende di abbigliamento vendono il cosiddetto “lusso della lana italiana” in tutto il globo. Questo filmato, diffuso dall’organizzazione no-profit PETA che si batte per i diritti degli animali, è stato girato in alcuni allevamenti di ovini nel Cile, che invece esporta il 30% della sua lana in Italia, dove viene lavorata. Le immagini mostrano animali sottoposti a mutilazioni. Gli ovini vengono lasciati sanguinanti dopo la tosatura e presi a calci. Il direttore dell’organizzazione Mimi Bekhechi ha dichiarato: “La crudeltà è la norma in questo settore spregevole”. Ad oggi, solo un marchio di abbigliamento ha deciso di scartare il fornitore dopo che l’organizzazione ha mostrato il filmato

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Disabili, vi presento sua maestà l’inaccessibilità

prev
Articolo Successivo

Pride a Roma, Luxuria sbotta contro la trans: “Via quella croce, è offensivo”. La fermano

next