Molta tensione ma alla fine la protesta dei migranti è stata contenuta a San Ferdinando e a Rosarno, piccoli Comuni della Piana di Gioia Tauro che ospitano la tendopoli dove ieri un carabiniere nel tentativo di sedare una rissa ha ucciso Sekine Traore, migrante del Mali. “Ci ammazzano come animali. Italia razzista“, urlavano i migranti controllati a vista dalle forze dell’ordine per paura che potessero ripetersi i fatti del 2010, quando la rivolta degli stagionali per diversi giorni paralizzò la cittadina della Piana di Gioia Tauro. “Sette carabinieri contro un nero. Che motivo c’era di ucciderlo? Sono mafiosi”, è la versione che alcuni di loro danno di quanto accaduto nella tendopoli ieri mattina. Una delegazione di migranti, tra cui il fratello del ragazzo ucciso che ha chiesto che la salma del congiunto venga portata in Mali, ha incontrato il commissario prefettizio, visto che il Comune non ha un sindaco perché sciolto per infiltrazioni mafiose

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Olimpiadi, Malagò: “Con sindaco contrario candidatura non può andare avanti”

next
Articolo Successivo

L’ultima intervista video di Pina Maisano al Premio Libero Grassi: “Non mi rassegno a una Sicilia succube della mafia”

next