Ora vediamo se sono gufi anche questi di Confcommercio. Fatto sta che Matteo Renzi, la bordata di fischi, l’ha sentita eccome dai commercianti. E l’ha sentita sugli 80 euro, quel bonus su cui aveva costruito parte del suo successo elettorale e che adesso sono una spina dolorosissima per il governo. “Che non fossero apprezzati da voi lo sapevamo da tempo”, ha detto ai commercianti smentendo così parte delle motivazioni di quegli 80 euro. Se servivano per la ripresa dei consumi perché i commercianti dovrebbero fischiare?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Salerno, il sindaco cambia ma la giunta è ancora di De Luca: ci sono figlio, ex avvocato e 5 assessori del “capo”

prev
Articolo Successivo

Livorno, la sinistra che appoggiò Nogarin al ballottaggio perde due consiglieri: “Oggi voteremmo la sfiducia al sindaco”

next