L’aeroporto di Francoforte passa nelle mani dei cinesi. Come riporta l’agenzia Radiocor, lo scalo di Hahn, situato a circa 120 km dalla città e da anni in difficoltà finanziarie, è stato ceduto alla società Shangai Yiqian Trading. Il Land della Renania Palatinato ha infatti venduto la sua quota di maggioranza, pari all’82,5%, per una cifra tra 10 e 50 milioni di euro. Lo ha reso noto il ministro degli interni della Regione, Roger Lewentz, del partito socialdemocratico Spd.

Francoforte-Hahn, per cui quest’anno è atteso un bilancio in rosso per 16 milioni di euro, è stato per lungo tempo una base militare della Nato e solo dal 1993 è stato riconvertito in un aeroporto civile. Attualmente è base di partenza e arrivo per diverse compagnie low cost, in primis Ryanair. Negli ultimi anni il numero dei passeggeri dello scalo aeroportuale tedesco è calato sensibilmente, passando dagli oltre 4 milioni del 2007 agli attuali 2,7 milioni circa. In sensibile ribasso anche l’attività nel trasporto aereo merci. Il restante 17,5% di Francoforte-Hahn è in mano al Land dell’Assia, che ha detto di avere in corso colloqui per cedere “presto” questa quota.

La società cinese ha indicato che intende rafforzare l’attività merci e passeggeri a Francoforte-Hahn attraverso una collaborazione con imprese asiatiche e aumentando il numero dei passeggeri. Lewentz ha indicato che “con l’acquisizione da parte di un investitore estero inizia un nuovo capitolo per Hahn, che servirà da spinta per sviluppare l’aeroporto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Canone Rai, in vigore decreto. Consumatori: “Su autocertificazione un pasticcio, chi non ha tv rischia di pagare”

next
Articolo Successivo

Acea, con la Raggi al ballottaggio la società scivola in Borsa. Analisti: “La candidata M5S vuole sostituire l’ad”

next