Senza acqua da bere o semplicemente per lavarsi. Questa la situazione che migliaia di cittadini di Novara stanno affrontando da sabato 4 giugno a causa del divieto imposto dal Comune a seguito di un problema causato da un “intervento sbagliato di un privato che ha determinato l’immissione nella rete idrica di acqua sporca proveniente da un canale”, spiega su Facebook il sindaco Andrea Ballarè (al centro nella foto).

acqua novara_240I disagi maggiori si sono registrati nella zona sud della città. Acqua Novara e Vco, la società che gestisce l’acquedotto, ha già iniziato le operazioni di bonifica. Nel frattempo è iniziata la distribuzione di sacchetti di acqua potabile alle famiglie rimaste senza. In via precauzionale è stato anche allertato il pronto soccorso dell’ospedale di Novara, ma al momento non sono verificati casi di malessere legati al problema. Acqua Novara Vco rimborserà le bollette dell’acqua ai cittadini interessati dal problema.

“Voglio ribadire che la situazione è sotto controllo – assicura il primo cittadino nel post – che la fonte di inquinamento è stata interrotta e che già da ieri si sta provvedendo a disinfettare la rete immettendo cloro. Ribadisco anche che la causa è da ricercarsi in un intervento sbagliato di un privato (quindi non del Comune né della società dell’acquedotto) che ha determinato l’immissione nella rete idrica di acqua sporca proveniente da un canale. Confermo che Acqua Novara Vco rimborserà le bollette dell’acqua ai cittadini effettivamente interessati dal problema”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Marò, anche Argo è tornato dall’India. Il cane di Girone atterrato a Fiumicino

prev
Articolo Successivo

Papa Francesco scomunica i fedeli di Giuseppina Norcia. “La setta è colpevole di scisma”

next