L’unica differenza fra l’Agro pontino e la piana di Gioia Tauro è che in provincia di Latina non si vedono né ghettitendopoli abitati dai lavoratori sfruttati e invisibili. Ma le condizioni di lavoro sono forse peggiori: dai due euro ai tre e mezzo all’ora per lavorare 12 ore nella raccolta di frutta e verdura. A farne le spese la comunità indiana sikh che in zona sfiora le 30mila unità. Questa clip è tratta da “The Harvest. Storie di nuovo caporalato agricolo in Italia“, un film documentario in uscita prevista nel 2017 per cui è attiva ora una campagna di crowdfunding

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bagheria, a rischio licenziamento i 120 lavoratori dell’impresa confiscata al prestanome di Provenzano

next
Articolo Successivo

Voucher lavoro, Renzi blocca decreto con i correttivi troppo soft. “Timore di attacchi da opposizioni e sindacati”

next