L’unica differenza fra l’Agro pontino e la piana di Gioia Tauro è che in provincia di Latina non si vedono né ghettitendopoli abitati dai lavoratori sfruttati e invisibili. Ma le condizioni di lavoro sono forse peggiori: dai due euro ai tre e mezzo all’ora per lavorare 12 ore nella raccolta di frutta e verdura. A farne le spese la comunità indiana sikh che in zona sfiora le 30mila unità. Questa clip è tratta da “The Harvest. Storie di nuovo caporalato agricolo in Italia“, un film documentario in uscita prevista nel 2017 per cui è attiva ora una campagna di crowdfunding

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bagheria, a rischio licenziamento i 120 lavoratori dell’impresa confiscata al prestanome di Provenzano

prev
Articolo Successivo

Voucher lavoro, Renzi blocca decreto con i correttivi troppo soft. “Timore di attacchi da opposizioni e sindacati”

next