Dopo l’apprezzamento dei giornalisti, gli applausi del pubblico di Cannes, per il film La Pazza Gioia di Paolo Virzì, con Micaela Ramazzotti e Valeria Bruni Tedeschi, arriva anche un’altra buona notizia. Il film è stato richiesto da 40 paesi.

La pellicola del regista livornese, come ha scritto Anna Maria Pasetti per il Fattoquotidiano.it “percorre le orme del disturbo psichico attraverso le geografie mentalmente parallele di due donne affette da psicopatologie, entrambe ospiti di una struttura terapeutica nella campagna pistoiese”. Ma il film “racchiude anche tanto altro. E felicemente”.

“La voglia di follia e di fuga mi è venuta già da Il capitale umano, quando ho viste arrivare Valeria e Micaela sul set in mezzo al fango ma sui tacchi. Un’immagine, una scena, una coppia di attrici, la loro, che mi è rimasta nel cuore da allora” ha raccontato il regista.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festival di Cannes 2016, l’ars poetica di Jarmusch con il suo Paterson. E sulla Croisette arriva Robert De Niro

next
Articolo Successivo

Festival di Cannes 2016, le donne e i loro fantasmi secondo Almodovar, Assayas e Mendonça Filho

next