Dopo l’apprezzamento dei giornalisti, gli applausi del pubblico di Cannes, per il film La Pazza Gioia di Paolo Virzì, con Micaela Ramazzotti e Valeria Bruni Tedeschi, arriva anche un’altra buona notizia. Il film è stato richiesto da 40 paesi.

La pellicola del regista livornese, come ha scritto Anna Maria Pasetti per il Fattoquotidiano.it “percorre le orme del disturbo psichico attraverso le geografie mentalmente parallele di due donne affette da psicopatologie, entrambe ospiti di una struttura terapeutica nella campagna pistoiese”. Ma il film “racchiude anche tanto altro. E felicemente”.

“La voglia di follia e di fuga mi è venuta già da Il capitale umano, quando ho viste arrivare Valeria e Micaela sul set in mezzo al fango ma sui tacchi. Un’immagine, una scena, una coppia di attrici, la loro, che mi è rimasta nel cuore da allora” ha raccontato il regista.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festival di Cannes 2016, l’ars poetica di Jarmusch con il suo Paterson. E sulla Croisette arriva Robert De Niro

next
Articolo Successivo

Festival di Cannes 2016, le donne e i loro fantasmi secondo Almodovar, Assayas e Mendonça Filho

next