Seguire lo sviluppo di una malattia a colpi di “selfie” ad un neo o ad una macchia della pelle, controllare il livello di porosità di un materiale per inviarlo per analisi tecniche oppure semplicemente divertirsi a realizzare scatti da vicino ad un fiore o ad un insetto con la qualità di una “vera” macchina fotografica con obiettivo macro.

È questo l’obiettivo di Blips – giovane start-up tutta italiana nata all’interno del vivaio dell’IIT di Genova (Istituto Italiano di Tecnologia) – lanciata da poche ore attraverso una campagna di crowdfunding sulla piattaforma internazionale Kickstarter e che ha quasi raggiunto l’obiettivo delle donazioni fissato dai suoi founder.

di Matteo Ponzano

*PODCAST*

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Facebook, “notizie trend gestite da apposito team”. Le accuse del Guardian fanno crollare il mito della neutralità

next
Articolo Successivo

Uncharted 4, Naughty dog saluta la serie con un ultimo capolavoro

next