Seguire lo sviluppo di una malattia a colpi di “selfie” ad un neo o ad una macchia della pelle, controllare il livello di porosità di un materiale per inviarlo per analisi tecniche oppure semplicemente divertirsi a realizzare scatti da vicino ad un fiore o ad un insetto con la qualità di una “vera” macchina fotografica con obiettivo macro.

È questo l’obiettivo di Blips – giovane start-up tutta italiana nata all’interno del vivaio dell’IIT di Genova (Istituto Italiano di Tecnologia) – lanciata da poche ore attraverso una campagna di crowdfunding sulla piattaforma internazionale Kickstarter e che ha quasi raggiunto l’obiettivo delle donazioni fissato dai suoi founder.

di Matteo Ponzano

*PODCAST*

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Facebook, “notizie trend gestite da apposito team”. Le accuse del Guardian fanno crollare il mito della neutralità

prev
Articolo Successivo

Uncharted 4, Naughty dog saluta la serie con un ultimo capolavoro

next