Si torna a carri musicali, sound system di musica tecno e pacifiche azioni rappresentative alla ‘May Day Parade’, la manifestazione dell’orgoglio precario che ogni primo maggio invade le strade di Milano. Dopo che lo scorso anno circa 500 black bloc del movimento “No Expo” avevano invaso il corteo pacifico distruggendo auto e vetrine, quest’anno i toni appaiono decisamente pacati, tornando allo stile della classica parata musicale. Dopo il concentramento delle 15 in Piazza XXIV Maggio, in zona Ticinese, il corteo ha sfilato fino a Piazza Duca d’Aosta, in stazione Centrale. Ad aprire la manifestazione, un’azione del movimento “No border” che ha bruciato una bandiera della Turchia circondata da filo spinato, facendo galleggiare sulla Darsena un gommone incendiato. “Siamo scesi in piazza dopo il 25 aprile – racconta un esponente dei No Border – per dire basta a tutte le deportazioni”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, corteo dei ‘No Borders’: lancio di uova e vernice verso l’ambasciata turca

next
Articolo Successivo

Cineca, vertici imputati e pareri taroccati Così il garante dei concorsi pubblici dribbla gli obblighi di trasparenza

next