Stava per imbarcarsi da Pozzallo alla volta di Malta, portando con sé più di 20 chili di droga. Antonio Bonafede, trentunenne consigliere comunale del Pd di Siracusa, è stato fermato nella mattina del 29 aprile dagli agenti delle Squadre Mobili di Siracusa e di Ragusa insieme a due compagni di viaggio, Salvatore Mauceri e Antonio Genova. La Polizia ha trovato nei loro borsoni 16 chili di marijuana e tre chili e mezzo di hashish, e li ha dunque arrestati e portati in carcere su disposizione della Procura di Ragusa con l’accusa di spaccio di sostanze stupefacenti.

I tre uomini sono stati individuati e fermati a seguito di una complessa attività di osservazione e pedinamento da parte delle forze dell’ordine, terminata appunto sul piazzale del porto di Pozzallo.

“Mi auguro che Tony Bonafede possa chiarire la vicenda – ha commentato il segretario provinciale del Pd di Ragusa Alessio Lo Giudice –  ma la presunta macroscopica responsabilità del fatto contestatogli mi induce a manifestare come sia anni luce distante dal Partito Democratico chi adotta simili condotte. Il senso autentico del nostro impegno merita, dunque, di essere totalmente dissociato da incompatibili condotte dei singoli iscritti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, mercantile italiano salva 26 naufraghi al largo della Libia. Disperse altre 70 persone

next
Articolo Successivo

Milano, incinta di due gemelli muore dopo visite in tre ospedali. Esposto in Procura, Lorenzin manda ispettori

next