“Il dibattito sull’ambiente non può essere lasciato a chi va nei talk show. Politici autoreferenziali che riferiscono in tv senza capire che fuori c’è un Paese che chiede concretezza”. Questo è solo l’ultimo degli attacchi del presidente del Consiglio Matteo Renzi contro i programmi televisivi politici, fatto alla chiusura dei seggi dopo l’esito referendario sulle trivelle, dove non si è raggiunto il quorum. A settembre scorso aveva tuonato durante una direzione Pd: “Se i talk show del martedì fanno meno della replica numero 107 di Rambo dobbiamo riflettere. Evidentemente tra trame conosciute si va verso quella scritta meglio, quella americana”. Prima ancora, il 2 luglio 2015, il premier si era espresso in questo modo da Berlino: “Sono un grande pollaio senz’anima, dove si salvano solo gli spot, perché fanno da cuscinetto tra una rissa e l’altra“. Il 26 gennaio 2015 twittava: “Trame, segreti, finti scoop, balle spaziali e retropensieri: basta una sera alla Tv e finalmente capisci la crisi dei talk show in Italia”. Il video-blob di Renzi contro le trasmissioni di infotainment

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Trivelle, Lillo vs Rondolino: “Silenzio Rai? Una vergogna, dati Agcom inquietanti”. “Grave che Gabanelli e Giannini abbiano trasgredito”

prev
Articolo Successivo

Pulitzer 2016: Reuters e Nyt vincono con foto sui migranti. Premio ad Associated Press per inchiesta sul lavoro

next