Dopo aver annunciato due giorni fa gli 80 euro per le pensioni minime, ieri la bonifica di Bagnoli entro il 2019, oggi in una conferenza a Palazzo Chigi, il Presidente del Consiglio annuncia l’avvio dei lavori della banda larga, progetto peraltro già presentato otto mesi fa. Sembra proprio che Matteo Renzi stia facendo di tutto per allontanare le polemiche sul referendum del 17 aprile e sulla situazione del suo governo, dopo l’indagine sulla Val D’Agri e su ‘Tempa Rossa‘, con quest’ultima che ha portato alle dimissioni il Ministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi. E dalle carte in mano alla Procura di Potenza emergono i commenti che la titolare dle Mise riservava ai suoi colleghi di Governo, Padoan e De Vincenti. L’imbarazzo è tanto se Renzi arriva a dettare un nuovo “metedo di lavoro” ai tanti giornalisti presenti: “Se ci sono delle domande possono rispondere l’ingegner Starace (a.d. di Enel, ndr), quanto i partner privati, quanto il sottosegretario De Vincenti ed il sottosegretario Giacomelli – e rivolto ai giornalisti – vi vorrei anche lasciare il tempo d’intervistare anche i singoli sindaci, grazie di cuore e buon lavoro”. Insomma, #matteorisponde ai fan su facebook, ma dal vivo schiva le domande dei giornalisti

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Matteo Renzi presenta il piano sulla banda larga: guarda la diretta

prev
Articolo Successivo

Elezioni Roma, ultimatum di Salvini a Berlusconi: “Dimostri di voler vincere e punti su Meloni”

next