Il ministro delle Finanze Pier Carlo Padoan fu nominato dal premier Matteo Renzi. Ma fu scelto da quelli del “quartierino”, dagli uomini della “combriccola”, da un “clan” che conta membri oggi accusati di associazione per delinquere. A dirlo è l’ex ministra Federica Guidi, in uno dei tanti sfoghi con il compagno Gianluca Gemelli, che, secondo la Procura di Potenza e la Squadra mobile, era in grado di “manovrare” il Mise, non soltanto attraverso Guidi, ma anche il suo sottosegretario De Vincenti. Sviluppo economico e Finanze: se l’ipotesi della Procura avrà riscontro, saremmo dinanzi una “cricca” in grado di incidere su due dicasteri fondamentali. In grado di “piegare a proprio esclusivo e personale interesse” sia le “decisioni” sia “le procedure di singoli funzionari e varie istituzioni pubbliche”, si legge in un’informativa della polizia. Quando scopre di essere stata sorpassata da De Vincenti in un tavolo con Finmeccanica, Guidi sbotta. E “aggiungeva di aver capito quale era il giochino, affermando a tal proposito: ‘O il giochino è sempre uguale oppure il giochino si interrompe'”.

La nomina all’Economia – L’ex ministra dice che sia Padoan, sia De Vincenti, sono “pedine” in mano al “quartierino”: “Gianluca, Padoan viene fuori, ma sai chi glielo ha messo lì Padoan, te lo devo spiegare io? Glielo ha messo sempre quel quartierino lì. Innocenti, l’hai capito chi glielo ha messo Padoan? Non è che ti devo spiegare. Sempre quel quartierino. Oltre al fatto che si conoscono perché andavano a scalare insieme da vent’anni, lui De Vincenti e Padoan… ma glielo ha messo sempre quel quartierino lì… Quelle pedine, cioè De Vincenti da me, non è un caso, non è per farmi un favore, perché De Vincenti è bravo, capito? Come non hanno messo lì Pier Carlo per fare un favore a Matteo, perché Pier Carlo è bravo”. Nella stessa discussione Guidi rivela di voler lanciare un avvertimento anche alla senatrice Pd Anna Finocchiaro – la “fida amica” di Gemelli – proprio in merito al tavolo con Finmeccanica: “Io non vado a chiamare Anna, perché non sono io che devo andare a spiegare alla Finocchiaro… non so neanche bene per quale motivo devo spiegare queste cose, questa vicenda, prendano atto della cosa loro, lo prendano come un avvertimento”. E poi conclude: “Gianluca, se tirano giù me, tirano giù pure te” per realizzare i loro scopi, secondo l’accusa, il “clan” inserisce nel Mise il consulente Valter Pastena che, intercettato, dice al telefono che vuole un ufficio tutto suo al ministero: “No, ma io senza stanza non ci vado! Se passerò, come passo, con la ministra dello Sviluppo Economico si apre tutto un altro scenario”.

Il regalino a Delrio: “Ti togli uno sfizio” – Pastena parla anche di un dossieraggio nei confronti di Delrio. “Io ti devo parlare da vicino”, esordisce con Gemelli. “Ma proprio da vicino, molto da vicino, ma tutte cose che addirittura ti puoi togliere pure qualche sfizio… ma serio ti puoi togliere qualche sfizio..eh?”. E aggiunge: “Tieni conto che i carabinieri prima che tu venissi là, sono venuti a portarmi il regalo in ufficio, perché tu non stai attento. Hai visto il caso di Reggio Emilia? Finito sto casino usciranno le foto di Delrio, Cutro (paese calabro, ndr) con i mafiosi… Tu non ti ricordi quello che io ti dissi, che c’era un’indagine, quelli che hanno arrestato a Mantova, a Reggio Emilia, i Cutresi, quelli della ‘ndrangheta… (…)… no, te l’ho detto, perché che ha fatto le indagine è il mio migliore amico, e adesso ci stanno le foto di Delrio con questi”.

Fuoco incrociato: “Lotti? Fregatene” – Uno degli obiettivi di Gemelli era quello di piazzare il suo amico (…) Franco Broggi a capo di un’azienda partecipata. E per questo scopo metteva la Guidi “in croce” dicendole di fregarsene di tutti: “Con ‘tutti’ – annota la Squadra mobile – intendeva riferirsi ai vari Andrea Guerra, Luca Lotti“. Per lo stesso scopo, in un “fuoco incrociato”, erano stati investiti Antonello Montante, Presidente Confindustria Sicilia, oggi accusato di associazione mafiosa in un’altra inchieste, e un politico del Pd, Paolo Quinto, che non sono indagati. Dice Gemelli a Broggi: “Federica l’ho messa in croce, gli ho detto ‘senti figlia mia, ma non…’ perché anche l’hanno fatta incazzare Renzi, poi c’è sta testa di cazzo di questo qua di Luxottica, come si chiama, Andrea Guerra… che glielo hanno messo a controllare la cosa dell’Ilva! E le stanno rompendo… ho detto ‘senti tu mollali…’, ora c’è Montezemolo che vuole prendersi l’Ice però sotto il Ministero dello Sviluppo Economico, voleva fare la guerra di crociate, gli ho detto ‘senti fammi ‘na cortesia , se tu metti una combinazione, Renzi-Montezemolo, due che mezzora di lavoro nella loro vita non l’hanno mai fatta e che devono… coordinare duecento, trecento persone per portare fatti concreti… se te lo tieni sotto tu, t’inculano prima o poi a te, perché son bravissimi, son bravi solo a fare quello!”. E prosegue: “Fede, fammi una cortesia, fai alla Razzi, fatti le cazzi tua? (…) mollagli sta cosa qua tu devi pensare solo a un cristiano”. Pochi minuti più tardi Broggi replica: “Se mi mettete in una posizione. Ma poi nelle cose c’è un ritorno. Io te ci siamo capiti”.

I fratelli Pittella e la fuga di notizie – Gemelli sapeva di essere finito nelle indagini e ne aveva messo al corrente anche la compagna. A quanto ricostruiscono gli inquirenti ad aver appreso la notizia erano stati i fratelli Pittella, Marcello e Gianni, rispettivamente presidente della Regione Basilicata ed europarlamentare. Loro l’avrebbero comunicata a Gemelli. Quest’ultimo cerca di ottenere informazioni in merito all’avanzamento delle indagini anche da altri conoscenti. Il primo gennaio del 2015 lo chiama Valter Pastena riferendogli di essere stato a pranzo con Leonardo Gallitelli, comandante generale dei carabinieri in carica fino al 15 gennaio successivo. “Tu mi dici ‘Valter tu controlla’.. sono andato a far gli auguri al Gallitelli”, dice Pastena. “Poi ne parliamo da vicino”, aggiunge e racconta che Gallitelli gli ha detto di aver già visto Gemelli, “forse a Modena o Bologna”. Gemelli scherzando risponde che l’importante è essere conosciuto ma non “attenzionato”. Ma sono numerose anche le intercettazioni tra Guidi e Gemelli che dimostrano come fossero entrambi al corrente del coinvolgimento nelle indagini. “Telefoniamo eh, telefoniamo”, il ministro rimprovera il suo compagno della facilità con cui parla. Riferimenti espliciti emergono da una conversazione intercettata il 22 gennaio 2015. I due, annotano gli inquirenti, “fanno espliciti riferimenti al probabile coinvolgimento del Gemelli in una questione non meglio specificata ed alla possibilità di conseguenze politiche indirette anche per lo stesso Ministro: evidenti sono i riferimenti per cui è procedimento penale”. “Il giorno successivo – si legge nell’informativa – i due hanno fatto riferimenti ancora più diretti “alla questione”. Questa volta un cenno lo facevano anche a ‘Marcello’ (Pittella), nonché al fratello di costui, attuale europarlamentare, Gianni Pittella”.

Da Il Fatto Quotidiano del 7 aprile 2016