E’ quanto sostenuto da quelli di Fastweb durante una conferenza stampa a Milano, dove l’azienda impegnata nel settore della fibra ottica e nelle reti ulta-prestazionali ha presentato i prossimi obiettivi che la vedono impegnata: velocità a 200 mb e connettività garantita al 50 per cento degli italiani. Ma secondo l’amministratore delegato dell’azienda, Alberto Calcagno, il nostro Paese è indietro per quanto riguarda la cosiddetta “adoption” dell’infrastruttura: la sua utilizzabilità. “L’incidenza in Italia è del 5,6 per cento, mentre in Francia, per fare un esempio, è del 15%”. Cresciuta invece la copertura della rete e gli italiani raggiunti dal segnale dell’internet veloce, pari al 51 per cento. Un miglioramento di 15 punti percentuali che ci ha permesso di sorpassare la stessa Francia (48%), ma il risultato rimane comunque sotto la media europea del 71%. “Dobbiamo ora lavorare per migliorare l’accesso in termini di byte degli italiani alla Rete – conferma Calcagno – ovvero aumentare il numero di ‘patenti‘ con cui le persone possono viaggiare su queste grandi autostrade telematiche”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Strage di San Bernardino: nel braccio di ferro tra Apple e Fbi chi ha perso siamo noi

prev
Articolo Successivo

Whatsapp, svolta per la privacy: chat e messaggi vocali criptati. “La sicurezza è la priorità”

next