Hedi Slimane ha lasciato la casa di moda Yves Saint Laurent della quale è stato direttore creativo per quattro anni. In questo lungo periodo di collaborazione, il designer francese, tra i più noti ed apprezzati del fashion system, ha contribuito a riposizionare lo storico marchio, a partire dal nome: è stato lui a togliere quell’ “Yves” a favore del più immediato “Saint Laurent”.

Una scelta, questa, che ha portato con sé una rivoluzione anche a livello stilistico e che, secondo quanto riportato nella nota ufficiale che annuncia l’addio di Slimane, ha avuto un “notevole successo”: “Il riposizionamento – si legge nel comunicato ufficiale di Kering, gruppo di Francois-Henri Pinault – ha dato un nuovo respiro e aperto un nuovo capitolo nella storia di una delle più grandi case di moda francese”.

E il titolo Kering risente dell’addio di Slimane: in deciso ribasso sulla Borsa di Parigi, questa mattina l’azione del colosso del lusso mostra un meno 2,5% sul listino francese. Classe ’68, una laurea in giornalismo e una in storia dell’arte, Slimane si è fatto apprezzare da addetti ai lavori e consumatori per il suo stile riconoscibile ed eclettico, amato da moltissime star. Ancora sconosciuto il nome del suo successore: secondo la rivista Women’s Wear Daily sarà probabilmente il belga Anthony Vaccarello.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giorgio Armani: “Mai più pellicce nelle mie collezioni, crudeltà inutile contro gli animali”

next
Articolo Successivo

Salone del Mobile e FuoriSalone 2016: i dieci eventi da non perdere

next