Se l’auto guida da sola e non è richiesto alcun intervento umano, si rischia financo di annoiarsi. Allora si può leggere un libro, sfogliare un giornale o fare “scrolling” con lo smartphone, ma sono tutte attività che si possono già fare con l’auto ferma, nel senso che sono comunque vincolate alle forme dell’abitacolo e alla presenza dei comandi.

Ma, dal momento che l’auto guida da sola, perché non pensare in grande e installare uno schermo cinematografico per vedere un film da soli o con gli amici? Se pensate che sia fantascienza vi sbagliate, perché sebbene l’auto che guida da sola debba ancora iniziare a diffondersi nelle nostre vite, le case automobilistiche stanno già pensando al passo successivo.

E se un colosso come Ford ha depositato un brevetto che parla di un sistema come quello appena descritto, c’è da stare sicuri che non l’abbia fatto per caso. I disegni dei documenti registrati, infatti, descrivono un sistema di intrattenimento di bordo con dimensioni e forme molto simili a quelle di un home theater.

Ma non è tutto, perché l’idea è datata 2013. Anno in cui è stato richiesto il brevetto, che è stato poi rilasciato lo scorso 1° marzo. Il testo del documento parla di un controller doppio, uno dedicato alla guida autonoma e l’altro a un non meglio identificato “entertainment system”, che si basa, appunto, su un grande schermo centrale. Il dispositivo è automatico e fa quasi pensare agli “Autobot” della saga Transformers, perché quando l’auto guida da sola i sedili anteriori si spostano e lasciano spazio allo schermo, che va a posizionarsi davanti al cruscotto.

Quando, invece, il guidatore riprende il controllo avviene la procedura contraria. L’idea è certamente suggestiva, sebbene sicuramente di non facile realizzazione. Resta da capire che cosa ne potrebbero pensare i clienti, perché va bene viaggiare senza doversi stancare durante la guida, ma isolarsi in una specie di cinema semovente potrebbe originare più di un problema di claustrofobia. Superato il quale, potete pure preparare il pop corn.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Maserati Levante, il listino per l’Italia parte da 73 mila euro

next
Articolo Successivo

Dacia Arena, ora anche il low cost ha il suo stadio – FOTO

next