Nutro fin da ragazzo una passione viscerale per il cinema, e, da appassionato (ed incoerente “decrescista”), ho apprezzato molto che Leonardo DiCaprio abbia vinto il suo primo Oscar, e non abbia fatto la fine di tanti altri grandi non premiati dall’Academy. Ma non è ovviamente di questo che voglio parlare, quanto piuttosto del discorso che egli ha fatto ritirando la statuetta, ed a cui non mi pare sia stato dato grande risalto da parte dei media.

Leonardo DiCaprio

DiCaprio è da sempre impegnato sul fronte della difesa dell’ambiente a tutto tondo. A tal fine, egli ha creato nel 1998 una apposita fondazione, la Leonardo DiCaprio Foundation, attraverso la quale ha già elargito 45 milioni di dollari a favore di progetti ambientali. Ma il suo impegno non si limita a ciò, e va dalla produzione del film “L’undicesima ora”, sui problemi ambientali del pianeta, con particolare attenzione al riscaldamento globale, alla recente produzione del documentario “Cowspiracy”, sulle condizioni di vita degli animali negli allevamenti.

Bene, DiCaprio, come esordivo, non si è smentito neppure nella notte degli Oscar, ed ha colto l’occasione di una platea mondiale per lanciare il seguente messaggio:

“E, infine, voglio solo dire questo: The Revenant racconta il rapporto dell’uomo con il mondo naturale, un mondo che nel 2015 è passato attraverso l’anno più caldo della storia. La nostra produzione si è dovuta spostare alla punta meridionale di questo pianeta solo per trovare la neve. Il cambiamento climatico è reale. Sta accadendo in questo momento. E’ la minaccia più urgente per tutta la nostra specie, e abbiamo bisogno di lavorare collettivamente insieme e smettere di rimandare. Dobbiamo sostenere i leader di tutto il mondo che non parlano per i grandi inquinatori o per le grandi aziende, ma che parlano per tutta l’umanità, per le popolazioni indigene di tutto il mondo, per i miliardi e miliardi di persone svantaggiate, per i figli dei nostri figli, e per quelle persone là fuori la cui voce è stata soffocata da una politica di avidità. Vi ringrazio tutti per questo fantastico premio stasera. Cerchiamo di non dare questo pianeta per scontato. Non prendo questa sera per scontata. Grazie mille.”

Chapeau, Leonardo!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Legumi, consumarne fa bene alla salute e all’economia

prev
Articolo Successivo

Milano, il Seveso vicino all’esondazione. E tornano paure e polemiche per la messa in sicurezza

next